Concepimento: può essere una questione di compatibilità

A volte il concepimento non arriva non perchè i coniugi siano sterili, ma perchè tra loro non c'è compatibilità. Il corpo della donna non riconosce gli spermatozoi.

Pubblicato da Valentina Morosini Domenica 27 giugno 2010

Concepimento: può essere una questione di compatibilità

Talvolta si pensa subito ad aver problemi di sterilità o fertilità quando la spiegazione potrebbe essere molto più semplice. Molte donne possono avere delle difficoltà a concepire a causa dell’incompatibilità spermatica. Proprio così. Gli spermatozoi del compagno non sono “riconosciuti” dal corpo della donna e non riescono a fecondare l’ovulo. Ecco quindi alcuni fenomeni di infertilità femminile, peccato che in questo caso sia lui sia lei sono in realtà fertili. Ma vediamo meglio il problema e i risultati di questo nuovo studio.
Ci sono molti elementi che entrano in gioco durante il concepimento. La dottoressa Sarah Robertson, ricercatrice dell’Università di Adelaide, ha dichiarato che lo sperma contiene delle molecole di segnalazione che possono attivare delle modifiche al sistema immunitario della donna che il corpo in genere accetta.

Alcuni spermatozoi sani non attivano queste modifiche e quindi il corpo della donna non riesce ad accettare un’interferenza biologica ritenuta estranea. «Il maschio fornisce informazioni che aumentano le probabilità di concepimento e la progressione della gravidanza, ma il corpo femminile ha un sistema di controllo qualità che deve convincersi che il suo sperma è compatibile», spiega la dottoressa.

Questo studio apre dei nuovi campi di studio, perché prima si riteneva che se lo sperma era sano, la donna aveva dei problemi di fertilità, oggi questo risultato spiega che non è così e che bisogna elaborare altre teorie e cure.

Foto tratta da altervista.org