Come scegliere il nome di tuo figlio

da , il

    Come scegliere il nome di tuo figlio

    A meno che non abbiate già deciso per uno specifico nome a causa di ragioni familiari o di affezione particolare, arriva sempre il fatidico momento durante la gravidanza in cui i genitori devono scegliere il nome del loro bambino.

    Purtroppo molto spesso viene sottovalutata l’importante influenza che il nome avrà sulla vita di un bambino e sulla sua crescita. Nomi troppo strani o particolari probabilmente lo distingueranno da adulto, ma rischiano di condannarlo a prese in giro e scherzi durante l’infanzia.

    Importante anche che il nome sia intonato al cognome: quando quest’ultimo è troppo lungo, difficile da pronunciare o inusuale, sarà più indicato scegliere un nome corto e semplice.

    Anche per facilitare la pronuncia ed evitare storpiature, in linea generale sarebbe meglio un nome semplice e breve.

    E’ chiaro però che la scelta è influenzata da molti fattori e non sarebbe neanche giusto rinunciare ad un nome importante solo per la paura del giudizio degli altri.

    Come procedere allora? Ecco un modo.

    Prepara un elenco con i nomi che piacciono sia a te che al tuo partner (ricordati che anche in questo caso l’arte del compromesso ti permetterà di non litigare furiosamente se sia meglio Tommaso o Tomaso); se ancora non conosci il sesso del bambino dovrai preparare due liste, una con i nomi più belli per bambine e un’altra con i vostri nomi maschili preferiti.

    Accetta di buon grado i consigli di familiari ed amici, ma attenzione a non farti troppo influenzare dalla nonna “che ci terrebbe tanto che il bambino avesse il suo nome…”

    Dopo una prima scrematura prova ad associare al cognome i nomi prescelti, verifica se c’è la possibilità di abbreviarli e se i possibili diminutivi ti piacciono tanto quanto il nome.

    Se sei molto fantasiosa o ti ha colpito il nome di un personaggio famoso, chiediti francamente se tra 10, 20 o 30 anni questo nome sarà ancora così di moda o se potrebbe risultare ridicolo (hai presente quanti 30/40enni si chiamano Dylan, o Kevin, sostanzialmente senza che abbiano la più vaga idea del perchè?). Ricordati sempre che tuo figlio porterà quel nome anche a 50 anni!

    Non è vietato, e anzi talvolta molto elegante, mantenere in vita alcune tradizioni, come la scelta di un nome piuttosto ricorrente in famiglia, ma a condizione che il nome piaccia davvero a voi genitori e che a nessuno dei due risulti un’imposizione senza senso.

    Un ultimo consiglio: cerca di evitare nomi troppo bizzarri e inventati. Al momento può sembrare un’idea originale e simpatica, ma sei sicuro che tuo figlio amerà di essere chiamato a vita Procolo, o Chirieleison?

    Un ultimo consiglio: se proprio non riuscite a decidervi, aspettate che il piccolo nasca, guardatelo negli occhi e il nome arriverà. Sicuro!