Come riconoscere le contrazioni

Le contrazioni sono molto dolorose ed è per questo motivo che è impossibile non distinguere quelle del travaglio e non capire quando si sta avvicinando il parto

Pubblicato da Valentina Morosini Sabato 16 luglio 2011

Come riconoscere le contrazioni

Al momento giusto saremo in grado di riconoscere le contrazioni? Non vi dovete preoccupare anche di questo. L’arrivo del travaglio dà segni che non lasciano alcun dubbio e comunque vada, ci sarà il vostro medico a monitorare la situazione. Ricordiamo che le contrazioni potrebbero anche verificarsi nel corso della gravidanza e nella maggior parte delle volte dipendono dal fatto che l’utero si sta adattando al feto, ad accoglierlo nel migliore dei modi.

Di solito si manifestano grazie a un ormone molto importante come l’ossitocina che aumenta la concentrazione di ioni di calcio. A sua volta questo incremento fa attivare anche l’actina e la miosina che fanno contrarre l’utero.

Come ben sapete sono abbastanza dolorose (il male prende tutta la schiena e pure le gambe), per questo credo che siano davvero inconfondibili. Normalmente quelle tipiche del travaglio si manifestano circa ogni 5-10 minuti e durano anche 30 o 40 secondi.

Man mano che il parto si avvicina, si accorcia l’intervallo tra una contrazione e l’altra, fino ad arrivare a un minuto. Nella pausa, c’è davvero un momento di riposo, in cui la donna è bene riprenda le forze per poi spingere.