Cercare una gravidanza: congelare gli ovociti per il futuro

da , il

    Cercare una gravidanza: congelare gli ovociti per il futuro

    Ci sono dei tempi complessi, su cui tra l’altro poca informazione: dalla fecondazione alla donazione del cordone ombelicale. Tra questi, c’è il fatto di congelare i propri ovociti e garantirsi così una maternità in futuro quando, in età più avanzata, sperano di avere un partner fisso e con lui diventare madri. La crioconservazione è una moda importata dagli Stati Uniti che sta prendendo sempre più piede anche nel nostro Paese, dove in materia siamo un pochino più indietro. Non è male l’idea di avere un personale banca cui accedere per potere avere una gravidanza anche un periodo non più molto fertile.

    Un tema di cui si è parlato qualche settimana fa in una delle sessioni del Congresso nazionale di ostetricia e ginecologia che per tre giorni ha riunito al Lingotto mille e 500 specialisti provenienti da tutta Italia. Congelare gli ovociti è una moda che, in Piemonte, ha contagiato molte single che si sono rivolte al Centro di riproduzione clinica universitaria del Sant’Anna, l’ospedale ostetrico ginecologico più grande d’Europa.

    Proprio qui è conservato il tessuto ovarico e gli ovociti di 140 donne che possono andare incontro a riduzione o perdita di fertilità, dieci sono torinesi. Con l’aumentare dell’età diminuisce la probabilità di concepimento: 30 per cento a 20 anni, 25 a 30, solo il 10 a 40.