Cartoni animati sotto accusa: SpongeBob rovina il cervello dei bambini!

da , il

    Cartoni animati sotto accusa: SpongeBob rovina il cervello dei bambini!

    Brutte notizie per i piccoli estimatori dei cartoni animati ed in particolare di SpongeBob, la famosissima spugna marina che, secondo gli studiosi, fornirebbe ai piccoli immagini troppo frenetiche e confuse, rovinando e rallentando il loro cervello. Lo rivela uno studio americano, condotto dalla dottoressa Angeline Lillard dell’università del Virginia i bambini in età prescolare che passano più di un’ora e mezza al giorno davanti alla tv hanno dei rallentamenti delle funzioni celebrali.

    I piccoli, osservati durante la visione di 9 minuti di SpongeBob: il cartone infatti cambia scena ogni 11 secondi, un intervallo pericoloso e “innaturale” che può incidere negativamente sulle funzioni cerebrali dei bambini.

    «I nostri risultati confermano altre ricerche- ha spiegato la Lillard- che mostrano un rapporto negativo fra l’intrattenimento tv e l’attenione. Vista la popolarità di alcuni cartoni animati dai ritmi nevrotici fra i bambini piccoli, è importante che i genitori siano avvertiti sulla possibilità di un livello più basso di alcune loro funzioni esecutive, almeno subito dopo aver visto questi cartoni».

    “Vista la popolarità di alcuni cartoni animati dai ritmi nevrotici fra i bambini piccoli – ha detto la ricercatrice – è importante che i genitori siano avvertiti sulla possibilità di un livello più basso di alcune funzioni esecutive dei bambini, almeno subito dopo che hanno visto questi cartoni”.

    Cosa ne pensate di questa ricerca? E’ proprio vero che i cartoni animati di una volta non ci sono più?