Camminare riduce lo stress nei bambini

Il movimento è sempre utile a tutti, ma è stato scoperto che favorire le camminate nei bambini riduce il rischio di malattie cardiovascolari da adulti

Pubblicato da Valentina Morosini Venerdì 13 agosto 2010

Camminare riduce lo stress nei bambini

Le camminate non fanno bene solo agli adulti, ma anche ai bambini, soprattutto al mattino perché riduce lo stress in studenti, lavoratori e soprattutto bambini. Questo piccolo esercizio ginnico è talmente efficace da essere considerato una buona arma preventiva contro le possibili future malattie cardiovascolari. Ci vuole davvero poco. Se siete in vacanza vi basterà portare i piccoli al mare o in montagna, a sfogarsi un po’ all’aria aperta. In città, invece, che è più difficile camminare, si potrebbe studiare un metodo per andare a scuola a piedi o in bicicletta. Oppure frequentare un centro come il parco anti-obesità.
La reattività cardiovascolare è fortemente associata allo stress, così le malattie di questo genere iniziano già da bambini quando vengono accumulate sostanze pericolose per le pareti arteriose come grassi, colesterolo e calcio.

Per James Roemmich, professore associato di pediatria dell’Università di Buffalo, tuttavia, non si sa quanto duri l’effetto protettivo di una camminata o di un esercizio fisico. Non basta quindi un po’ di moto sporadico. Propone, infatti che i genitori e gli educatori dovrebbero promuovere il più possibile il movimento nei bambini.

Secondo gli esperti, questo è il primo studio che dimostra che una moderata attività fisica riduce la reattività cardiovascolare nei bambini proteggendoli dalle attività stressanti anche in futuro e che potrebbero causare patologie di una certa entità.