Cameretta bambino, le cose che non devono mancare

La cameretta dei bambini non deve essere un impegno fondamentale, prima godetevi la gravidanza, avete tempo per i mobili fino allo svezzamento. Ora vi serve solo un lettino.

Pubblicato da Valentina Morosini Martedì 28 settembre 2010

Cameretta bambino, le cose che non devono mancare

Organizzare la camera del bambino. Care mamme, non dovete farvi prendere dall’ansia e fare per forza tutto prima che il piccolo nasca. In realtà, avete davvero molto tempo a disposizione. È fondamentale, magari verso l’ottavo mese, iniziare a studiare un corredino e acquistare le cose fondamentali, come il lettino o la bilancia. Poi per il resto potete tranquillamente aspettare. I primi tempi, infatti, il bambino non ha bisogno di molto. Potreste pensare anche di mettere il lettino in camera da letto. Questo è il giusto compromesso tra il farlo dormire con voi e il lasciarlo in una stanza accanto da solo.

La necessità di una camera del pupo arriva verso il sesto mese, quando inizia la fase di svezzamento. Con l’instaurarsi di pasti quasi normali, si dovrebbe regolarizzare anche il sonno e questo è il periodo migliore per abituarlo a dormire da solo.

Ciò che può rendere una camera funzionale e ovviamente spiritosa sono i colori: prima cosa quindi è scegliere dei colori rilassanti, magari pastello, per decorare le pareti. Potreste prevedere una bella carta da parati con qualche disegno. Poi sono necessari un lettino, che dovreste già avere, una cassettiera dove riporre gli abiti del bebè, magari un armadio. Mi raccomando evitiamo la moquette, prevediamo invece un bel tappeto per giocare (ne esistono alcuni proprio per bebè).

Questi tappeti occupano parecchio spazio, ma per aggiungere altri mobili c’è tempo. Ora il bambino e fino ai 6/7 anni ha bisogno di muoversi e di giocare. Fate poi attenzione alla qualità dei materiali: non devono esserci coloranti tossici.