Bonus asili nido 2018: requisiti, domanda, come richiederlo all’INPS e a chi spetta

Il bonus per gli asili nido è un benefit utile per le famiglie con bambini nati, o adottati, dal primo gennaio 2016. Il contributo statale di 1000 euro, non legato al reddito, è destinato sia per 'iscrizione dei propri figli all'asilo nido o il supporto domiciliare. Attenzione, però, alle modalità di richiesta e ai documenti necessari.

Pubblicato da Roberto Bosio Venerdì 9 marzo 2018

Bonus asili nido 2018: requisiti, domanda, come richiederlo all’INPS e a chi spetta

Photo by Picsea on Unsplash / Photo by Picsea on Unsplash
Il bonus asili nido 2018 è un valido aiuto per quei genitori lavorano e necessitano di un aiuto per i più piccoli. Il bonus , erogato dall’INPS, spetta alle famiglie chi bambini nati e adottati dal 1 gennaio 2016 è valido sia per l’iscrizioni in una struttura sia per i genitori che scelgono l’aiuto in casa. Sono diverse le novità per l’anno: dalla domanda, all’importo passando per i requisiti utili e necessari per usufruire di questa forma di sostegno al reddito introdotto con la legge di bilancio 2017

Che cosa è il Bonus nido

Il bonus nido è un intervento a sostegno del reddito delle famiglie, e consiste nel versamento di un contributo che può raggiungere i 1.000 euro l’anno, destinato al pagamento di rette per la frequenza di asili nido pubblici e privati autorizzati o per forme di assistenza domiciliare in favore di bambini con gravi patologie. Può essere versato per un totale di tre anni.

Le novità del bonus asili nido per il 2018

L’Inps ha emanato una circolare sul bonus asili nido 2018. Non ci sono differenze significative rispetto al 2017: è cambiata l’intestazione dei moduli da presentare per ottenere questa forma di sostegno al reddito, e l’importo delle risorse destinate al suo finanziamento – nel 2018 sono pari a 250 milioni di euro.
I genitori verranno pagati secondo l’ordine di presentazione della relativa domanda. Se, a seguito delle domande presentate, viene raggiunto questo limite, ulteriori richieste del bonus asili nido 2018 non verrebbero prese in considerazione. Nel 2017 questa situazione non si è verificata.

I requisiti per ottenere il bonus asili nido 2018

Possono accedere al bonus asili nido 2018 i genitori:

  • con cittadinanza italiana, o di uno stato dell’Unione Europea. Se sono extracomunitari, devono avere carta o permesso di soggiorno;
  • che abbiano un bambino nato o adottato tra il 1° gennaio 2016 ed il 31° dicembre 2018 non affidato esclusivamente all’altro genitore;
  • che siano residenti in Italia;
  • che abbiano la stessa residenza del bambino.

Come e quando presentare il bonus asili nido

Per ottenere il bonus asili nido 2018 è necessario presentare la domanda – con la relativa documentazione – tra il 29 gennaio al 31 dicembre:

  • per via telematica al sito www.inps.it (per accedere ad uno dei servizi telematici è necessario avere un’identità digitale Spid, una Carta Nazionale dei Servizi o il Pin Inps);
  • contattando il contact center integrato al numero verde 803.164 da rete fissa (da rete mobile bisogna chiamare il numero 06/164.164);
  • attraverso un ente di patronato.

A chi spetta il bonus asili nido 2018

Il bonus asili nido 2018 spetta al genitore che ha presentato la domanda corredata dalla documentazione attestante l’avvenuto pagamento della retta per l’asilo nido pubblico o privato autorizzato – e visto che probabilmente non avrà allegato la fattura di tutte le rette pagate durante l’anno, dovrà confermare l’invarianza dei requisiti rispetto a quanto dichiarato nella domanda.
Se invece si richiede assistenza domiciliare, è necessario corredare la domanda di un attestato rilasciato da un pediatra che attesti “l’impossibilità del bambino a frequentare gli asili nido in ragione di una grave patologia cronica” per l’intero anno di riferimento.

Bonus nido: quando viene pagato

Il bonus asili nido 2018 viene erogato in 11 mensilità, per un importo massimo di 90,91 euro – il contributo mensile non può superare la spesa sostenuta per il pagamento di una singola retta. Per chi richiede l’assistenza domiciliare l’erogazione avviene invece in un’unica soluzione.
Per ottenere l’intero bonus è necessario che il bambino sia iscritto all’asilo nido per tutto l’anno. Il genitore richiedente è normalmente il soggetto a cui vengono intestate le fatture dell’asilo nido.
Se per un motivo o per l’altro il genitore richiedente perde uno dei requisiti necessari ad ottenere il bonus asili nido – per esempio l’affidamento esclusivo del minore al genitore che non ha presentato la domanda -, l’altro genitore ha tempo 90 giorni per presentare la domanda per accedere a tale forma di sostegno al reddito, e non perdere una parte del bonus asili nido.