Bimbo inglese di 10 anni mette ko le maestre che finiscono in ospedale, arrestato

Un bimbo inglese di 10 anni ha letteralmente spedito all’ospedale 2 insegnanti, con lesioni giudicate gravi. Il piccolo è stato arrestato e non si sa l’origine di tanta violenza.

Pubblicato da Paola Perria Lunedì 9 gennaio 2012

Bimbo inglese di 10 anni mette ko le maestre che finiscono in ospedale, arrestato

Incredibile caso di violenza in una scuola inglese: un bimbo di 10 anni ha messo ko le sue due maestre, spedendole all’ospedale. Di solito (purtroppo), ci capita di raccontare storie di segno contrario, quando le vittime delle botte degli adulti, non di rado educatori, sono i bambini, incapaci di difendersi. Qui, però, si è verificato un rovesciamento dei ruoli che ha dell’incredibile, specialmente considerando l’età del piccolo teppista. Questi i fatti: in una scuola elementare di Orpington (sud-est di Londra), senza apparenti motivi scatenanti, un alunno di dieci hanno si è scagliato prima contro una delle sue insegnanti, spezzandole la gamba in due punti e lussandole un ginocchio.

Non pago, il piccolo energumeno ha rivolto la sua violenza contro l’altra insegnante (che verosimilmente aveva tentato di calmarlo), sfigurandole il volto. Entrambe le donne, di mezza età, sono finite all’ospedale con lesioni giudicate “gravi” dai medici che le hanno visitate. Il bimbo, di cui, essendo un minore, sono state celate le generalità, è stato preso in custodia dalla polizia (che il personale scolastico aveva immediatamente avvisato), e arrestato, anche se poi subito rilasciato su cauzione.

Il piccolo è stato inoltre espulso dalla sua scuola fino a tutta la prima metà del mese di febbraio. Gli agenti di polizia hanno anche interrogato il bambino per capire cosa abbia potuto scatenare una reazione a tal punto violenta, ma a quanto pare non è stato possibile chiarire la natura del gesto choc. Non è la prima volta che si verificano, in GB, episodi di brutalità a danno di insegnanti da parte di loro studenti, ma in questo caso si rimane assolutamente sconcertati dalla giovanissima età del protagonista.

Chissà cosa sarà scattato nella mente del bambino per portarlo ad agire in questo modo, o quali esempi deleteri avrà visto, magari in famiglia. Non sono trapelati altri particolari sulla vicenda, perciò non conosciamo l’ambiente di origine del bimbo, l’unica cosa che possiamo fare, è augurarci che le sfortunate maestre si riprendano al più presto, e che il piccolo trovi il modo di incanalare tanto furore in modi meno dannosi. Certo, comunque sia e leggere notizie di questo tipo, vengono i brividi.