Bambini, mangiano di più se il cibo ha forme simpatiche

gli scienziati, infatti, hanno offerto mele, fragole, carote e ravanelli in due maniere diverse: presentate su un piatto "al naturale" e, su un altro piatto, guarnite e sagomate nelle forme più strane.

Pubblicato da Valentina Morosini Giovedì 6 maggio 2010

Quante volte da bambini abbiamo giocato con il cibo o anche oggi ci siamo ritrovati a fare l’aeroplano per far mangiare i nostri piccoli. Purtroppo l’appetito a tanti pupi manca e l’unico modo è rendere più divertente la pietanza, magari trasformandola in qualcosa di piacevole. Ecco allora i biscotti a forma di animali, la pasta colorata e piatti dedicati. Da uno studio pubblicato sulla rivista Appetite-Eating and Drinking è emerso che i 100 bambini tra i 4 e i 7 anni sottoposti all’esperimento hanno dimostrato di mangiare frutta e verdura con molta meno difficoltà se erano presentate in maniera originale e “giocosa”.
Un esempio facile per far mangiare la frutta creare degli spiedini: gli scienziati, infatti, hanno offerto mele, fragole, carote e ravanelli in due maniere diverse: presentate su un piatto “al naturale” e, su un altro piatto, guarnite e sagomate nelle forme più strane.

I bambini ovviamente hanno subito capito che c’era lo stesso sapore in entrambi i piatti, ma hanno preferito più volte quelli sagomati, arrivandone a mangiarne il doppio. Se avete fretta è inutile pensare di stare a disegnare un riccio con la mela: fate degli spiedini: tagliare in triangoli, quadrati o strisce è un modo semplice e poco laborioso per rendere gli alimenti più colorati.
Foto tratte da
doki.it
cookaround.com
blogmamma.it