Bambini, la passione per lo shopping dei più piccoli

da , il

    Bambini, la passione per lo shopping dei più piccoli

    I bambini fanno shopping. Non hanno ancora una loro carta di credito o un reddito proprio, ma già da piccolissimi i gusti sono ben definiti. Amano le marche, la tecnologia, navigano sui social network e ascoltano musica. Ovvio, tutto dipende dal reddito dei genitori, ma la tendenza fosse per loro sarebbe già questa. Lo ha ben descritto una ricerca “Kids & Co.”, realizzata dalla Doxa per Coop, intervistando i genitori di baby (3 anni circa) e junior (5-13 anni). Vediamo come sono i giovani di questa nuovissima generazione e soprattutto quali sono realmente i loro gusti.

    Non c’è bambino che non guardi la tv: il 54% dichiara di non poterne farne a meno, mentre il 61% usa i videogame. I preferiti sono quelli dalla Nintendo e la Playstation. Non c’è solo il mondo virtuale, per fortuna. Il 40 per cento dei bambini da 8 a 13 anni pratica uno sport, il 30 per cento non svolge nessun tipo di attività, percentuale che sale al 50 tra 5 e 7 anni. Tendenza molto negativa, che favorisce sedentarietà e obesità.

    Questa non è una questione di soldi, ma prettamente culturale. “Famiglie che, con difficoltà, ritagliano nel proprio budget lo spazio per un’attività artistica o una mini-vacanza culturale insegnando anche ai figli il valore dei piccoli sacrifici. E poi c’è l’investimento di tempo da parte dei genitori, il più importante per sostenere e motivare i figli, sorreggendoli nelle difficoltà”, commenta Paola Scalari, psicologa e autrice di molti libri dedicati al rapporto con i figli.

    Poi c’è un’ultima questione, che è quella dell’alimentazione. Le mamme mettono al primo pasto qualità e salute. Quindi sulle tavole c’è frutta e verdura, pochi grassi e zuccheri, prodotti senza conservanti. Il 15 per cento delle mamme dei piccoli compra alimenti biologici e quasi tutte controllano le calorie.