Bambini italiani troppo grassi: colpa di tv, computer e junk food

I bambini sono obesi nel 35% dei casi in Italia. La colpa? Lo stile di vita sedentario, un'alimentazione sbagliata e troppa tv

Pubblicato da Valentina Morosini Venerdì 28 ottobre 2011

Bambini italiani troppo grassi: colpa di tv, computer e junk food

I bambini italiani sono troppo grassi. Purtroppo è così e non si scappa da questa dura realtà. La colpa è anche nostra, dei genitori. È inutile nascondersi dietro il lavoro e il poco tempo, se il bambino ha uno stile di vita inappropriato. Sembrerebbe, infatti, che i piccoli siano in sovrappeso o grave obesità perché passano troppo tempo davanti alla tv, giocano per ore (seduti) ai videogame e in ultimo, mangiano dosi industriali di junk food. Una situazione vergognosa. “Il 38% dei nostri bambini passa più di 3 ore davanti alla televisione o i videogiochi”, spiega il ministro della Salute Ferruccio Fazio.

Insomma, ci vuole davvero poco per tenere controllati i piccoli. Per esempio, cercare di preparare dei pasti equilibrati e caserecci. Un piatto di pasta al pomodoro è sicuramente meglio di una pasta congelata da riscaldare. Non dico che non siano buone, ma contengono molte calorie e conservanti, che alla linea non fanno bene. Sostituiamo le merendine, con frutta e prodotti freschi.

Stando ai dati emersi in occasione dell’obesity day, si registra il 35% tra obesità e sovrappeso (12% obesità, 23% di sovrappeso) nei bambini dai 5 ai 17 anni. E’ molto. E ci sono grandissime differenze Regionali. In Campania si arriva al 49%. Questo perché i bambini mangiano junk food. Poi abbiamo detto ieri, che con la crisi anche l’alimentazione potrà solo che peggiorare.

Infine, i piccoli devono fare sport. Ci vuole educazione fisica nelle scuole, fatta con un po’ di serietà (non dico il culto del corpo, ma neanche stare un’ora seduti o fingere di aver lasciato la tuta a casa. Inoltre, bisogna lasciare a casa la macchina quanto più possibile e andare a piedi o in bicicletta, anche questi sono sport.