Bambini iperattivi: come riconoscerli ed educarli

Pubblicato da angeladimps Mercoledì 17 marzo 2010

Il vostro bambino è un’adorabile piccolino che urla, corre fa disastri, fatica ad addormentarsi e non si ferma mai? Forse è iperattivo. L’iperattività soprattutto nell’età scolare si nasconde dietro ad altri sintomi come la distrazione l’impulsività e la disobbedienza, questo è un vero e proprio disturbo ed è una sindrome neuro-comportamentale. Le sue manifestazioni sono numerossissime e difficile da quantificare in un soggetto, si possono avere problemi di attenzione, percezione, coordinazione, ma anche problemi che riguardano l’area del linguaggio e della memoria. Tutto sommato non è facile distinguere un bambino molto vivace da uno iperattivo, non esistono tests o esami specifici.

Alcune volte determinati comportamenti possono manifestarsi sin dalla nascita, come continui pianti o fatica o dormire, ma è all’inizio del percorso scolastico che tali comportamenti diventano molto evidenti. Va precisato che non esiste alcun tipo di cura, tuttavia è possibile dare alleviamento al bambino. I farmaci che spesso vengono prescritti sono stimolanti o anfetamine. Il più diffuso è il Ritalin® che calma il bambino e favorisce la concentrazione. Va detto che la cura farmacologia oltre ad essere invasiva molte volte può essere sostituita da un trattamento psicologico che ha un esito globale e duraturo senza avere effetti collaterali.

Adatte ai bambini iperattivi sono le terapie ad indirizzo comportamentale poiché rieducano il bambino ad incanalare il surplus di energie, a controllare le emozioni e a conoscersi meglio. L’iperattività è un disturbo complesso e le sue cause sono di difficile individuazione. Alcuni studi hanno dimostrato che nelle famiglie di bambini iperattivi almeno un altro componente possedeva gli stessi sintomi. Inoltre altre cause possono essere riscontrate a partire dalla vita intrauterina come l’esposizione della mamma a sostanze tossiche come il piombo, alcol e droghe, oppure mancanza di ossigeno alla nascita.