Bambine vestite da modelle su Vogue Francia, è polemica

da , il

    Bambine vestite da modelle su Vogue Francia, è polemica

    Bambine come modelle. Stessi abiti, stessi vestiti e anche stesse pose maliziose. È inutile quasi dirlo, perché la foto parla da sola, ma è scoppiata una polemica che sta echeggiando in tutto il mondo. L’idea è stata di Vogue Francia, famoso mensile di moda, che ha messo in copertina uno strano servizio, dove al posto delle solite belle ragazze c’erano bambine di sette anni che imitavano donne sensuali e ovviamente adulte. Per quanto il gioco possa essere sembrato divertente, lo spot Lolita è di cattivo gusto e pericoloso.

    Sono saltate numerose teste: Xavier Romatet, presidente di Condé Nast France avrebbe rimosso infatti Carine Roitfeld capo redattore di moda del mensile dal primo febbraio lascerà la sua scrivania.

    Qui noi però ci occupiamo di mamme e di bambini, quello che colpisce è l’uso dei minori. L’allarme pedofilia è sempre bello alto e lo è altrettanto i problemi di anoressia che colpiscono le bimbe sotto i dieci anni, che già hanno consapevolezza del loro corpo.

    È vero anche che qualcuno in difesa di Vogue sostiene che le foto siano solo l’immagine della società in cui proliferano status symbol inadeguati per le più giovani, con atteggiamenti che annullano l’innocenza e la spensieratezza delle piccole generazioni. Voi cosa ne pensate? Credo che sia una fascia di età così delicata che andrebbe protetta di più: insomma ci sono compagnie che vietano di sedersi accanto a minori e poi li mettiamo in prima pagina?