Bambina di 7 anni cresciuta come un cane: sa solo abbaiare

E' stata ritrovata una bambina di sette anni allevata come un cane: vive con il suo cucciolo, abbaia e mangia da una ciotola. Non può difendersi, perchè non sa parlare.

Pubblicato da Valentina Morosini Lunedì 11 luglio 2011

Bambina di 7 anni cresciuta come un cane: sa solo abbaiare

Ci sono storie davvero devastanti, come quella di questa bambina di Bari, cresciuta come se fosse un cane. Si chiama Lucrezia (nome di fantasia) e non sa parlare, questo le impedisce di raccontare al magistrato tutto l’orrore che ha vissuto in questi anni. Vediamo di ripercorrere la storia di questa piccola. Nel 2009, la mamma con gravi disturbi mentali e il papà invalido e disoccupato civile denunciano la scomparsa della figlia. Le forze dell’ordine la cercano ovunque, finché non la trovano in un angolo vicino al suo cane, tutta rannicchiata.

Attorno a sé solo escrementi e una ciotola, da cui cane e bambina mangiano. Lei non sa parlare, abbaia. La bambina è stata tolta ai genitori e ora vive in una casa famiglia. Ha compiuto 9 anni. La cosa peggiore è che c’è un altro sospetto, una tremenda paura. Ha iniziato a mimare dei comportamenti sessuali. Non ci sono tracce di abusi fisici, ma ovviamente come si può escludere una cosa simile?

Lo psichiatra Paolo Crepet è indignato: “Davanti a una bambina offesa in tutti i modi è raccapricciante che il pm abbia bisogno di parlarle per capire come andarono le cose. Non si può avere una bambina ridotta in uno stato animalesco e concludere che non è colpa di nessuno. Forse questi genitori abitavano sull’Himalaya? Non avevano forse una vicina di casa, un prete, un assistente sociale in quel quartiere? Il colpevole c’è: è la comunità”.

Ovviamente la casa famiglia è un punto da cui ricominciare, ma non basta di sicuro. Ci vuole un supporto psicologico e soprattutto un lavoro in grado di resettare quanto vissuto fino ad oggi, per ricominciare a vivere come una bambina.