Baby parking al Museo Egizio di Torino

Il Museo Egizio di Torino offre un’opportunità ai bambini tra i sei e gli undici anni - che preferiscono un pomeriggio trascorso al museo allo shopping natalizio insieme ai genitori – per imparare divertendosi.

Pubblicato da Valentina Morosini Mercoledì 9 dicembre 2009

Portare un bambino in un museo non è semplice: subentra la noia e magari iniziano ad agitarsi, toccando dove non devono. Una soluzione però è stata trovata dal Museo Egizio di Torino che offre un’opportunità ai piccoli tra i sei e gli undici anni – che preferiscono un pomeriggio trascorso al museo allo shopping natalizio insieme ai genitori – per imparare divertendosi. Propone un’avventura tra i faraoni. L’iniziativa, denominata “Baby parking Egizio”.

Il servizio ha preso il via ieri, in occasione dell’Immacolata, e proseguirà per tutti i weekend fino a Natale. Tra le iniziative che interessano tutta la famiglia, invece, il museo propone “Animali o dei?”, una visita guidata alla ricerca di esperienze di vita comune, che possono legarsi alla presenza delle divinità.

“A casa di Kha” permetterà a grandi e piccini di scoprire come si svolgeva la vita dei Faraoni, mentre “La mia famiglia egizia” è un percorso tra passato e presente alla scoperta degli alberi genealogici.

Per i soli adulti, infine, mercoledì sarà replicato “Sapori d’Egitto”, il ‘gustoso’ viaggio alla scoperta dell’alto valore simbolico del cibo nell’Antico Egitto, che ancora oggi è possibile degustare, mentre il 19 dicembre sarà la volta de “L’amore al tempo degli Egizi”, un percorso alla scoperta delle varie sfaccettature dell’amore in riva al Nilo.

Il Baby Parking è una possibilità in più anche per i genitori per passare del tempo con i loro bambini, senza stress e riposandosi un pochino. Approfittate del periodo natalizio e di tutte le proposte come, la scuola di sci di Minitalia.