Baby mamme, oltre 10 mila solo in Italia

Sono più di 10mila le mamme che hanno un bambino a una giovane età, sotto la soglia della maturità. Ecco che cosa accade alle nostre adolescenti.

Pubblicato da Valentina Morosini Giovedì 5 maggio 2011

Baby mamme, oltre 10 mila solo in Italia

L’Italia è un paese di baby mamme. La notizia non è nuova, ne abbiamo già parlato, ma l’aggiornamento dei dati del nuovo Rapporto sullo stato delle madri nel mondo di Save the Children mette in luce una situazione ancora più complessa. Le piccole mamme hanno tra i 14 e i 19 anni, la maggior parte non è maggiorenne e sono soprattutto italiane (82%). Ma chi sono queste ragazze? Provengono soprattutto dal Sud e dalle isole e l’età media è 16-17 anni. Circa il 60% delle mamme adolescenti ha un marito o un compagno, che è anche il papà del piccolo.

Il papà è giovanissimo proprio come la mamma e solo il 20% di loro ha un lavoro anche se il livello di istruzione è basso (scuole medie). Secondo il Rapporto di Save The Children, sono ben 48 milioni di donne nel mondo danno alla luce un bambino senza alcuna assistenza professionale e due milioni partoriscono in totale solitudine, senza neanche un familiare.

Ciò che mi ha colpito di più è che le baby mamme siano italiane. Nonostante le campagne di precauzione, l’attenzione ai rapporti coperti, i consultori, ecc. le ragazze continuano ad aver rapporti non protetti e l’età della prima volta è sempre più bassa.

C’è un altro dato sulle mamme italiane abbastanza interessante. Sono fortemente sovraccariche, più che in altri Paesi europei. Circa il 65% del tempo femminile è assorbito dall’accudimento familiare: non ci sono politiche valide di assistenza alla famiglia che permettano alla donna di lavorare e seguire i figli senza soffocare.