Asma bambini: esporli a microorganismi ambientali riduce rischi

da , il

    Asma bambini: esporli a microorganismi ambientali riduce rischi

    Per prevenire l’insorgenza di asma e allergie nei bambini, può essere sufficiente portarli spesso in campagna, a contatto con ambienti microbiologicamente… “impuri”. Lo afferma una ricerca pubblicata sul New England Journal of Medicine, che è giunta a queste conclusioni grazie a due studi incrociati. In uno, sono stati monitorati bambini che abitavano in una fattoria, nell’altro, coetanei di città. Parsifal, questo il nome dell’indagine condotta negli appartamenti metropolitani, ha raccolto la polvere presente nei materassi dei bimbi per poi inviarla in laboratorio per l’analisi.

    Gabriela, invece, lo studio che si è occupato dei piccoli “campagnoli”, ha ugualmente raccolto la polvere nelle camerette ma anche i terreni di coltura dei microbi. E’ emerso proprio quanto anticipato, la continua esposizione dei minori ad ambienti ricchi di microorganismi – cosa che accade normalmente quando si vive in zone rurali – in pratica li “immunizza” precocemente, cosicché, rispetto agli altri, questi bambini manifestano meno propensione all’asma e alle malattie allergiche.

    Il dottor Markus J. Edge, che ha curato la ricerca, sostiene che tutti i piccoli in età pediatrica dovrebbero avere l’opportunità di frequentare periodicamente le campagna, specialmente quelle dove siano presenti allevamenti di animali. Esporsi ai microorganismi e alle colture batteriche presenti in questi ambienti, sarebbe di stimolo al sistema immunitario e ridurrebbe in modo significativo le probabilità che il piccolo si ammali di asma o sviluppi allergie di qualsiasi natura.

    Proprio a seguito di questa scoperta, i ricercatori ora studiano il secondo step, che sarebbe quello di individuare quei batteri specifici che sarebbero più coinvolti nel neutralizzare gli attacchi di asma. Non a caso, se ci pensiamo, sono proprio i bambini più “protetti”, che abitano in appartamento ed escono poco a giocare all’aria aperta, quelli più a rischio di malattie di tipo allergico. Infatti, si tratta di patologie in aumento proprio a causa del mutato stile di vita, meno naturale e igienicamente troppo protetto, che impedisce agli anticorpi dei minori di svilupparsi correttamente.