Anello: metodo anticoncezionale innovativo

Molte di voi avranno sentito parlare del metodo contraccettivo dell'anello...se ancora non avete però capito bene di cosa si tratta, ve lo spieghiamo noi di seguito.

Pubblicato da Francesca Bottini Giovedì 21 maggio 2009

Molte di voi avranno sentito parlare del metodo contraccettivo dell’anello…se ancora non avete però capito bene di cosa si tratta, ve lo spieghiamo noi di seguito.

L’anello è un sistema a rilascio vaginale che permette di assumere 11,7 mg di etonogestrel e 2,7 mg di etinilestradiolo per un periodo di tra settimane. Funziona in pratica come la pillola ma deve essere inserito nella vagina.

Si presenta proprio come un anello flessibile, trasparente, incolore con un diametro di 54 mm.

Se questo metodo vi interessa potete rivolgervi al vostro ginecologo che vi spiegherà anche come inserirlo in modo corretto e senza problemi.

Viene quindi posizionato all’interno della vagina per tre settimane e poi reinserito dopo una settimana di pausa (praticamente lo stesso concetto della pillola).

Se viene espulso casualmente deve essere lavato con acqua fredda ed inserito nuovamente.

La comodità a io avviso è il fatto di non doversi ricordare ogni giorno alla stessa ora della pillola. Sottolineiamo che questo metodo contraccettivo non protegge dalle malattie sessualmente trasmissibili.