Allattamento naturale: perché fa bene anche alla mamma

da , il

    Allattamento naturale: perché fa bene anche alla mamma

    L’allattamento al seno è un tema molto caro alle mamme. Se ne sente parlare spesso e si enunciano con regolarità i benefici per i neonati e soprattutto per il rapporto madre-figlio. Ma ci sono benefici diretti anche per la neomamma. Non sempre allattare al seno è una pratica possibile, a volte il latte materno non arriva, in altri casi il neonato è pigro e non vuole succhiare, o ci sono altri impedimenti particolari. Comunque si tratta di una casistica relativa. Ovvero, la maggior parte delle donne può allattare al seno. Ci tengo subito a dire che oggi esistono delle formulazioni di latte artificiale, veramente buone, molto simili a quelle materne e che una coccola in più favorirà egualmente il rapporto madre-figlio.

    Chi dice poi che non si può mettere il bimbo appoggiato al seno, pelle a pelle? Detto ciò, però ci tengo a sottolineare i vantaggi per la mamma: gli ormoni che si sviluppano in seguito alla suzione e alla produzione di latte, sono favorevoli ad un recupero fisico repentino.

    Non solo: a differenza di quanto si diceva una volta, allattare fa dimagrire. C’è un grande dispendio energetico in questa attività, anche se si svolge da ferme e rilassate! Ciò facilita il ritorno al peso originale, prima della gravidanza. Non per tutte le mamme è così, ma mi sento di potervi raccontare come me la sono cavata io.

    Nei primi 6 mesi ho preso solo 5 kg, 12 nel terzo trimestre(!!!!) ed ho smesso di pesarmi. La mia bimba è nata ad Agosto e a Novembre pesavo di nuovo 54 kg. Non ho fatto diete, anzi, non ho mai mangiato tanto in vita mia! Ricordo un pomeriggio in cui chiacchierando con una amica ho “ingerito” fetta dopo fetta un’intera torta al cioccolato per 12 persone. E mia figlia non ha mai avuto una colichetta!

    Non sono stata così fortunata con la seconda gravidanza: mangiando normalmente, sono comunque tornata ai miei chili in 4-5 mesi, ma è anche vero che il bambino succhiava poco e dopo un mese prendeva l’aggiunta. Mi soffermo su questo argomento perché so quanto sia importante il ritorno ad un aspetto normale, dopo la gravidanza.

    Ma i benefici non finiscono qui. E’ ormai scientificamente provato che allattare al seno aiuta a prevenire l’osteoporosi, una malattia molto seria che colpisce dopo la menopausa un gran numero di donne.

    Ma è ancora più rilevante evidenziare come questa pratica sia la migliore arma di prevenzione contro il tumore al seno. Di recente si è anche evidenziato come serva a tenere lontano anche il diabete e la sindrome metabolica.

    Allattare significa anche allontanare la temuta depressione post-partum, perché sia a livello ormonale, che emotivo è fondamentale. Sapere inoltre di essere il mezzo di sostentamento di una creatura così piccola credo sia il miglior antidepressivo. Mi scuso con le mamme che non possono allattare, che comunque riusciranno a trasmettere il loro amore in altri modi.

    Mi direte che però stanca, che con il biberon potete darvi il cambio la notte con il vostro compagno e di giorno siete più libere. Tante poppate si fanno solo nei primi 2 o 3 mesi, specie quelle notturne. Dopo un primo adattamento, sarà per voi un vero momento di rilassatezza e serenità, che non dimenticherete mai più, anche se usate il biberon!

    E poi, volete considerare quante cose potrete comprare per voi ed il vostro cucciolo con i soldini risparmiati sul latte artificiale? Anche questa riflessione non guasta!