Acquagym durante la gravidanza

L'acquagym durante la gravidanza sia sicura è la tesi dimostrata da uno studio appena pubblicato sulla rivista “Reproductive Health”: i ricercatori dell’Università di Campinas, in Brasile, hanno diviso 70 volontarie (tra la 16ma e la 20ma settimana di gestazione) in due gruppi, uno dei quali ha mantenuto le proprie abitudini sedentarie, mentre l’altro ha praticato acquagym per 50 minuti tre volte la settimana.

Pubblicato da Valentina Morosini Venerdì 6 novembre 2009

Pensare di non muoversi per nove mesi è assurdo, soprattutto se siamo abituate a fare sport e tanto movimento. Dobbiamo sicuramente ridimensionarci e praticare degli esercizi leggeri per non stressare il bambino. Cosa ne dite di un corso di acquagym?
L’acquagym durante la gravidanza è sicura, lo ha dimostrato studio appena pubblicato sulla rivista “Reproductive Health”. L’acqua, grazie all’assenza di gravità, permette di eseguire esercizi che a terra affaticherebbero subito, costituisce un ambiente ideale a questo scopo.

Il lavoro in acqua per le gestanti non è il classico, anziché a rassodare e a potenziare, si punta su quelle parti del corpo maggiormente sollecitate durante i 9 mesi (la colonna vertebrale, il bacino, i muscoli del perineo) e a prevenire i dolori tipici di questo periodo. L’obiettivo è rendere la donna consapevole del proprio corpo e delle trasformazioni a cui esso sta andando incontro.

L’attività in acqua si può iniziare già dopo il terzo mese di gestazione e se la gravidanza non presenta problemi, può essere proseguita tranquillamente fino al momento del parto. E ovviamente può proseguire dopo la nascita del bambino. È un valido aiuto per prevenire la depressione post-partum.

Foto tratte da
hoteldaltavilla.it/
leonardo.it