Yotaro, il robot per provare a fare i genitori

da , il

    Yotaro

    Oggi vi voglio parlare di Yotaro. Di cosa si tratta? Di un robot per provare a fare i genitori e convincere anche i più scettici a mettere al mondo un bambino. E’ nato in Giappone con lo scopo di incrementare il tasso di procreazione del paese, uno dei più bassi del mondo. L’età media della popolazione è molto alta e le giovani coppie sono sempre meno propense a mettere al mondo bambini. Il robot si comporta proprio come vero e proprio neonato: piange, dorme, si lamenta, sorride, mangia, urla…Ecco quindi una soluzione che potrebbe convincere (o dissuadere?) molte coppie che non se a sentono di diventare genitori.

    Hiroki Kunimura, il responsabile del team dell’Università di Tsukuba che lo ha inventato, ha sottolineato come le reazioni del robot sono state pianificate e studiate per essere sempre più simili a quelle di un vero e proprio bambino.

    «Credo che le coppie, soprattutto quelle che lavorano, non abbiamo molte possibilità di avvicinarsi ai neonati. Abbiamo notato che tutte le volte che abbiamo mostrato Yotaro in pubblico le persone lo avvicinavano come se fosse vero, manifestando lo stesso tipo di attenzioni e di emozioni» ha affermato Kunimura.

    Pensate che in Giappone nel 2050 il 40 % della popolazione sarà sopra i 60 anni: ecco che si rende indispensabile spingere la giovani coppie a mettere al mondo dei bambini per abbassare questo tasso.

    Chiaramente questo robottino da solo non può però fare miracoli: il governo ha quindi deciso di varare un piano che prevede un sussidio di circa 150 dollari al mese per le coppie che decidono di mettere al mondo un figlio.

    Fotografia tratta da

    sinklife.net