Yoga a scuola nelle ore di educazione fisica: la proposta di Gentiloni

Presto una novità per le ore di educazione fisica! Il presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana Gentiloni valuta la possibilità di introdurre lo yoga come attività fra le ore scolastiche dedicate all'educazione fisica.

da , il

    Yoga a scuola nelle ore di educazione fisica: la proposta di Gentiloni

    Paolo Gentiloni vuole portare lo yoga a scuola nelle ore di educazione fisica. La proposta del presidente del Consiglio nasce grazie alla visita in India, paese patria di questa filosofia di vita. Il ministro ha avuto infatti modo di constatare che lo yoga è uno strumento a disposizione per migliorare la qualità della vita di ogni studente. Lo yoga infatti prevede sia la meditazione che uno sforzo fisico, estendendo quindi i suoi benefici sia alla mente che al corpo.

    Il presidente Paolo Gentiloni, in visita a Delhi in India per un vertice bilaterale, è stato piacevolmente colpito dall’iniziativa del primo ministro indiano Narendra Modi, il quale ha istituito la Giornata Internazionale dello Yoga.

    Narendra Modi, oltre ad essere un uomo politico è anche un esperto yogi, ossia una persona che pratica varie forme di esercizi spirituali, come la meditazione e lo yoga. Nel 2014 il ministro ha ottenuto dalle Nazioni Unite che fosse dichiarato un giorno ufficiale per celebrare lo yoga come attività che promuove non solo il benessere della persona, ma anche il progresso di tutto il mondo.

    La proposta dello yoga nelle scuole

    narendra modi paolo gentiloni_6
    Photo credits: AP Photo

    Paolo Gentiloni ha valutato l’idea di poter inserire lo yoga nel programma di educazione fisica delle scuole italiane.

    Il ministro ha avuto modo di vedere il tradizionale Saluto al Sole, una sequenza di posizioni che si ritiene essere benefica per il corpo e per la mente poichè riesce a calmare le tensioni, a tonificare tutto il corpo, nonchè a migliorare la postura e ad ossigenare il sangue, ritenendo quindi importante l’insegnamento dello yoga all’interno degli istituti scolastici, in aggiunta alle attività fisiche proposte.

    La comunicazione fatta da Gentiloni ha specificato che si muoverà per comprendere come inserire questa disciplina nel programma scolastico della scuola italiana, garantendo altresì insegnanti qualificati con certificati erogati da istituzioni di yoga in India.

    In realtà la Federazione Italiana Yoga segnala che già da tempo esiste un protocollo di intesa con il Ministero dell’Istruzione per inserire lo yoga nelle scuole, ma sono ancora pochi i dirigenti scolastici che danno la possibilità ai propri studenti di praticare questa disciplina orientale così come il calcio, il basket o la ginnastica a corpo libero.

    Perchè lo yoga

    Lo yoga è una disciplina per la mente, il corpo e anche l’anima, e ha lo scopo di far vivere meglio.

    Oggi infatti anche in occidente sempre più persone si avvicinano allo yoga e per molti è diventato una parte integrante della vita di tutti i giorni, sostituendo o diventando complementare delle altre attività sportive.

    Praticato con costanza, dal punto di vista fisico si migliora la flessibilità, si rinforza la muscolatura e si viene spinti a capire quale sia la postura corretta da adottare. Questo ultimo punto è assai prezioso proprio in età adolescenziale quando gli studenti assumono posture scorrette durante lo studio.

    Dal punto di vista della mente, lo yoga fa bene perchè grazie al controllo della respirazione si aiuta il rilassamento e il buon umore, favorito anche dalla meditazione e dalla concentrazione che questa disciplina richiede.