Vamping: nuova mania social

da , il

    vamping

    Vamping, ecco come si chiama la nuova mania social che impazza tra i giovani e i giovanissimi di mezzo mondo. Anche se il termine può trarre in inganno i vampiri non c’entrano nulla, o quasi. Non si tratta del nuovo appellativo riservato ai fanatici di questo genere fantascientifico, ma della moda, la nuova moda must tra gli adolescenti. Niente di losco, quindi, ma solo dell’abitudine imperante dei ragazzi che, sempre più spesso, passano la notte sui social network.

    Fanno le ore piccole o, in alcuni casi, scelgono di passare la notte in bianco, per navigare sul web, tra un social network e l’altro, a colpi di post su Facebook, tweet o scatti postati, con tanto di hashtag #vamping a tema, su Instagram.

    Non dormono o dormono pochissimo sfruttando le ore notturne per vivere la loro vita social più virtuale. E lo fanno sfruttando, appunto, appieno le potenzialità delle piattaforme virtuali più in voga, ma non solo. Come una sorta di comunità improvvisata i fanatici del vamping si riconoscono a colpi di hashtag dedicati, si provocano con messaggi e immagini a tema, selfie e foto rigorosamente da insonni per scelta. C’è chi twitta ironicamente “I used to sleep” cioè avevo l’abitudine di dormire o chi inneggia al vamping come a una nuova filosofia di vita al chiaro di luna.

    Se la moda sta assumento contorni preoccupanti tra i teenager d’oltreoceano, negli Stati Uniti, in Italia il vamping comincia già a contare i primi appassionati e, come è successo per altri trend importati dai coetanei a stelle e strisce, il timore è che diventi presto un trend dilagante anche nel Bel Paese.