NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Vaccini: cosa prevede il Piano Nazionale Prevenzione 2017-2019

Vaccini: cosa prevede il Piano Nazionale Prevenzione 2017-2019
da in Attualità per mamme, Salute E Sanità, Vaccinazioni bambini
Ultimo aggiornamento:
    Vaccini: cosa prevede il Piano Nazionale Prevenzione 2017-2019

    Scopriamo cosa prevede il Piano Nazionale Prevenzione 2017-2019 sui vaccini. Innanzitutto ce ne sono di nuovi e di gratuiti a seconda delle fasce d’età e saranno maggiori le responsabilità di dirigenti scolastici e medici, tenuti a diffondere informazioni esaustive e chiare sull’argomento nonché a verificare, i primi, se le vaccinazioni siano state effettuate agli alunni. Il Piano, attraverso tappe intermedie, intende arrivare a specifici obiettivi di copertura vaccinale entro un tot di anni, eliminando nel contempo malattie come Morbillo e Rosolia congenita. Per il 2019 l’obiettivo di copertura dei nuovi nati e degli adolescenti è del 95%. A tale scopo, potranno essere indirizzate lettere di richiamo personalizzate agli interessati, affinché procedano con la vaccinazione rispettando gli obblighi del Calendario nazionale. Si prevedono anche azioni per i gruppi di popolazione più difficili da raggiungere e con copertura vaccinale bassa. Lo scopo è garantire il diritto di tutti alla protezione contro malattie pericolose. Ecco tutte le novità.

    La novità più interessante riguarda i costi delle vaccinazioni: diverse fasce d’età potranno beneficiare di vaccini gratuiti, in tutta Italia.

      Ecco un elenco dei vaccini gratuiti per fasce d’età:

    1. vaccino contro Meningococco b, batterio correlato all’insorgenza della pericolosa meningite, il cui vaccino era prima a pagamento per i bambini ma d’ora in avanti gratuito. Il vaccino potrà essere somministrato dai 3 mesi di vita in poi, con richiami successivi.
    2. vaccino gratuito per bambini contro il rotavirus, coinvolto nell’insorgenza di pericolose gastroenteriti. Potrà essere somministrato dalla sesta settimana in avanti.
    3. vaccino per bambini contro la varicella, in precedenza gratuito solo in 8 regioni italiane. Il vaccino si somministra dai 13 ai 15 mesi di vita insieme al vaccino per morbillo, rosolia e parotite, con richiami successivi.
    4. vaccino gratuito contro Papillomavirus, Hpv, per gli adolescenti dagli 11 anni in poi.

      Questo virus molto diffuso è una delle principali cause di tumore alla cervice dell’utero e alla bocca.

    5. vaccino gratuito anti-meningococco per adolescenti dagli 11 anni in poi teso a proteggerli dai ceppi A, C, W, Y.
    6. vaccino gratuito contro l’Herpes Zoster, “Fuoco di Sant’Antonio”, per gli anziani, dai 65 anni in poi, il cui scopo principale è ridurre i casi di nevralgia conseguenti alla malattia, trattandosi di una delle complicanze più pericolose e diffuse.
    7. vaccino gratuito contro lo pneumococco per la polmonite e la meningite negli anziani, dai 65 anni in avanti

    Fatta eccezione per le fasce d’età citate, i vaccini restano a pagamento. Ovvero se per un anziano il vaccino contro l’Herpes Zoster o Fuoco di Sant’Antonio è gratuito, per una persona di 30 anni resta a pagamento. Tuttavia il nuovo Piano Prevenzione introduce delle agevolazioni, a volte temporanee, in casi di emergenza o necessità particolari.

    I vaccini si effettuano nei Centri vaccinazioni degli Ospedali o nei Dipartimenti di prevenzione di residenza. Ulteriori informazioni possono essere richieste sia presso le Asl di riferimento che ai medici di famiglia.

    598

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Attualità per mammeSalute E SanitàVaccinazioni bambini
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI