Un altro triste caso di aborto clandestino

da , il

    aborto clandestino

    La speranza che gli aborti clandestini siano un triste ricordo è davvero lontana. Seppur in netto calo, esistano ancora delle cliniche abusive dove le donne si possono recare per interrompere la gravidanza. Di recente una signora cinese è stata denunciata dalla polizia di Padova, per esercizio abusivo della professione medica, importazione e somministrazione non autorizzata di farmaci. La situazione è stata portata alla luce dal ricovero di una donna, sempre cinese, con una grave emorragia, dopo aver cercato su internet una persona disposta a farla abortire.

    Costo della prestazione? Tra gli 80 e i 300 euro, tutto documentato nel libro mastro che la donna teneva nell’appartamento. È sconvolgente che ci siano ancora realtà di questo genere e situazioni così pericolose. Per fortuna, il numero di aborti in Italia è in netto calo e questo dipende anche dal fatto che esistono ospedali dove ricevere, gratuitamente, informazioni e cure per l’IVG.

    Dolcetto o scherzetto?