Svegliare i bambini: consigli per farlo bene

da , il

    Svegliare i bambini: consigli per farlo bene

    Svegliare i bambini al mattino può non essere semplice, soprattutto se sono abituati male. Per fortuna esistono alcune piccole strategie e consigli che, messi in atto con costanza e pazienza, possono trasformare il risveglio dei più piccoli in un momento allegro e spensierato. Abbiamo selezionato quindi i consigli per farlo bene, senza stress che è meglio.

    Non andare di fretta

    Come svegliare i bambini al mattino? Certamente non puntando la sveglia all’ultimo minuto per guadagnare un po’ di sonno in più. I bambini sono più rilassati se si svegliano dolcemente, senza fretta. Niente sveglia che suona ininterrottamente nè luci accese come fari all’improvviso. Ci vuole pazienza. In caso contrario si sentono sotto pressione e tendono a vivere il risveglio come un incubo, qualunque sia l’età.

    Svegliarli con la voce

    La sveglia va bene purché non suoni ininterrottamente. Dopo il primo avviso, è importante spegnerla e cercare di svegliare i bambini mentre dormono con la propria voce, ovviamente evitando urla. Se il tutto è accompagnato da qualche coccola meglio ancora. Il passaggio dal sonno alla veglia sarà infatti percepito dal piccolo come qualcosa di sereno, tranquillo, rilassato. Un momento prezioso da condividere con mamma e papà.

    Niente domande

    Capita di domandare ai bambini se si sentano pronti per svegliarsi. Per esempio alcune mamme chiedono, “che ne dici di svegliarti?“. E’ un errore perché si autorizza implicitamente il bambino a scegliere il da farsi inducendolo a dormire ancora. Invece l’obiettivo è farlo alzare dal letto, anche se con delicatezza.

    Rispettare i suoi tempi

    Tuttavia, anche se il risveglio non va inteso come un optional, ogni bambino ha i propri tempi e le proprie modalità per risvegliarsi. Ci sono bimbi che sorridono e hanno voglia di giocare fin da subito, altri che preferiscono rimanere un po’ sotto le coperte accanto al genitore o soli. Questo dipende dalla loro personalità e va quindi rispettato. Nei limiti del possibile.

    Puntare sulla routine

    Sappiamo bene che i bambini amano la routine, sono abitudinari, perché si sentono rassicurati dalla ripetitività di alcuni rituali come il pranzo, la cena, e anche il pisolino. Idem per quanto riguarda il risveglio che ogni giorno, salvo eccezioni, dovrà svolgersi più o meno allo stesso modo. Per esempio ci si può stendere vicino al bimbo suggerendogli le stesse parole dolci, oppure intonare canzoni del risveglio, utilizzare una musica per svegliarli e così via a seconda delle preferenze.