Stitichezza nei bambini: cause e rimedi naturali

Scopriamo quali sono le principali cause della stitichezza nei bambini e i rimedi naturali per combattere questo disturbo. La stipsi nei bambini ma anche nei neonati è piuttosto diffusa e prima di ricorrere a lassativi e farmaci vari, è opportuno trattarla con rimedi naturali ricorrendo anche alla prevenzione. Scopriamo in che modo.

da , il

    Stitichezza nei bambini: cause e rimedi naturali

    Quali sono le cause e i rimedi naturali per la stitichezza nei bambini? La stipsi, cioè il disturbo caratterizzato da una difficoltà ad evacuare, colpisce una percentuale notevole di bimbi sebbene si presenti con forme e frequenza differente. Tuttavia si può risolvere senza troppi contraccolpi per la salute dei bambini, ricorrendo ad appositi rimedi naturali, che svolgono una funzione non solo curativa ma anche preventiva. Ecco allora quali sono le cause e cosa fare per ammorbidire le feci dei bambini.

    Cause della stitichezza nei bambini

    Innanzitutto meglio chiarire che la stitichezza nei neonati e nei bambini più che una malattia è un sintomo, che si verifica quando almeno il 25% delle evacuazioni è difficoltoso, doloroso, incompleto, raro o particolarmente duro. Per semplificare il bambino stitico non si scarica correttamente per almeno 48 ore di seguito, evacuando meno di tre volte la settimana in media.

    Basti pensare che un neonato allattato al seno dovrebbe evacuare fino a 40 volte la settimana, uno allattato artificialmente fino a 28; un bambino di età compresa tra uno e tre anni evacua circa 21 volte e i più grandicelli evacuano fino a 14 volte.

    Può essere stipsi organica, solo in rarissimi casi, cioè legata a malattie e malformazioni dell’organismo, o funzionale. Più facilmente la stitichezza è dovuta a:

    • Alimentazione scorretta e squilibrata, povera di fibre.
    • Passaggio ai primi pasti solidi all’inizio dello svezzamento.
    • Stile di vita troppo sedentario.
    • Scarsità di liquidi.

    Rimedi naturali per la stitichezza nei bambini

    Oltre ai lassativi per bambini e allo sciroppo, da fare solo su consiglio del pediatra, esistono molti altri metodi per curare e prevenire la stitichezza. Se nei neonati più che di stipsi da curare si tratta di dischezia neonatale (difficoltà di emettere feci), che va trattata solitamente con un po’ di stimolazione manuale mirata, nei bambini più grandicelli, meglio approntare una strategia combinata fatta di dieta e corrette abitudini di vita.

    Ma quali rimedi per la stitichezza nei bambini adottare? Partiamo dall’alimentazione: via libera, in particolare, a una buona dose quotidiana di liquidi, preferibilmente di acqua.

    Meglio preferire i cereali integrali a quelli raffinati e inserire nell’alimentazione per la stitichezza dei bambini ricette a base di verdura, legumi e frutta. Cereali integrali e legumi risultano utili perché contengono molte fibre, inolre sono depurativi e vanno quindi consumati in quantità.

    Tra i frutti migliori contro la stitichezza ricordiamo kiwi, prugne e fichi d’india. Non è necessario assumerne troppi, anche un frutto al giorno può bastare per riequilibrare progressivamente l’intestino.

    Quali cibi evitare? Le merendine e i cibi ipercalorici confezionati, oltre alle bevande gassate.

    Da non sottovalutare, inoltre, anche l’importanza del movimento. Fondamentale un po’ di attività fisica ogni giorno, anche sotto forma di giochi all’aria aperta e l’assunzione di tisane lassative adatte ai bambini.

    Rimedi della nonna per la stitichezza nei bambini

    Molti dei rimedi della nonna contro la stitichezza riguardano l’alimentazione o comunque prevedono l’utilizzo di cibi di varia tipologia per ammorbidire le feci. Scopriamone alcuni:

    • Olio di oliva, da utilizzare come condimento ma anche per massaggiare la pancia per una ventina di minuti con movimenti circolari, qualora la stipsi sia ostinata.
    • Semi di lino, da assumere al mattino insieme ad acqua, dopo averli lasciati ammorbidire al suo interno. La sostanza gelatinosa che si forma in questo modo aiuta infatti l’intestino favorendo l’evacuazione. I semi di lino possono essere usati anche per preparare degli infusi contro la stipsi.
    • Prugne secche, da mangiare al mattino e alla sera per alcuni giorni in modo da stimolare l’intestino e facilitare l’evacuazione delle feci. Se la stipsi è ostinata, si può preparare un infuso a base di prugne secche da bere a colazione.

    Dolcetto o scherzetto?