Sorpresa: le mamme migliori sono le italiane, lo decreta il Wall Street Journal

da , il

    Mamme italiane le migliori

    Noi lo sapevamo già, che le mamme italiane sono le migliori, ma ora pare proprio che a decretarlo siano, ufficialmente, quelli (americani) del prestigioso Wall Street Journal, che addirittura stilano una classifica delle genitrici più in gamba su base nazional-geografica. Tutto partì l’anno scorso sulla scia della pubblicazione del contestatissimo saggio della ricercatrice di origine cinese Amy Chua, che sosteneva che l’educazione di stampo orientale (le famose “mamme-tigri inflessibili) fosse in assoluto la migliore per crescere bambini votati al successo nella vita.

    Polemiche su polemiche, con tanto di contro elogio della mamma-pecora di tipo italiano (che cresce bamboccioni molto felici di esserlo), e infine, l’articolo, semi-serio del WSJ.

    In realtà il pezzo, scritto da un uomo (Joe Queenan), contesta proprio l’idea stessa di voler stabilire una classifica delle capacità educative delle mamme su base etnica, geografica o culturale, e alla fine, dopo aver messo in luce ironicamente le (presunte) caratteristiche della madri del mondo (dalla boliviana alla gallese, dalla francese, che era stata indicata anch’essa come la “migliore”, di recente, fino alla cinese succitata), arriva alle italiane.

    O meglio, dato che il giornalista è americano, delle mamme italo-americane. Sentite per quali motivi queste ultime primeggerebbero: “Parlando dalla mia personale esperienza, le madri migliori sono le italo-americane, in parte perché sono calde e affettuose, ma soprattutto per i manicotti”, dice Qeenan, e per chi non sapesse cosa sono i manicotti, ecco spiegato l’arcano, sono “solo” i classici cannelloni della domenica.

    Ma in realtà il giudizio positivo non si limita alla boutade. “Le mamme italo-americane amano i loro figli, si occupano di loro, li difendono, e per questo i loro bambini crescono come pilastri della società”, spiega il giornalista. Le mamme italo-americane, però, non sono le mamme italiane. E voi, fate crescere i vostri bambini per farne un domani i pilastri della società?