Sonno del neonato: i consigli mese per mese

da , il

    bigstock Newborn baby girl sleeping wea 18021752

    Il sonno del neonato, un argomento decisamente delicato che preoccupa molti futuri genitori e tiene svegli, spesso letteralmente, molte coppie di neo mamme e neo papà. Per conoscere meglio i ritmi sonno veglia dei piccoli, dalle prime settimane di vita fino al loro primo anno di età, e, soprattutto, per scoprire come affrontare i piccoli e grandi problemi al meglio, ecco qualche informazione utile e tanti consigli mese per mese.

    Dal primo al terzo mese

    Il sonno dei bambini, soprattutto quando sono molto piccoli, è decisamente diverso da quello degli adulti. Si per frequenza, ritmi sia per durata. Nelle sue prime tre settimane di vita, in particolare, il neonato può dormire anche 18 ore ogni giorno. Ore che diminuiscono progressivamente, passando a 16 circa, quando ha sei settimane, a 12/14 quando ha tre mesi.

    In questa prima fase i ritmi sonno/veglia sono dettati dalla frequente necessità di alimentarsi, non da molto altro. Non è ancora in grado di distinguere completamente il giorno dalla notte. Non esistono però, regole precise, anche i ritmi del sonno sono da considerare soggettivi.

    Consigli utili: mettere il piccolo nella sua culla quando comincia a mostrare i primi segni di sonnolenza, non quando è già addormentato; da preferire materassi appositi, senza cuscini e coperte; la posizione ideale per il riposo è quella supina; meglio non esagerare con la temperatura dell’ambiente dove il neonato dorme.

    Dal terzo al sesto mese

    Piccoli dormiglioni crescono e cominciano a distinguere, progressivamente, con qualche aiutino da parte di mamma e papà che danno loro delle piccole regole, il giorno dalla notte. In questa fase, infatti, si riducono gradualmente le ore di sonno diurne e aumentano quelle notturne.

    Durante la notte, il bambino dorme dalle 10 alle 12 ore. Ore di sonno notturno a cui vanno aggiunti due sonnellini, fatti durante il giorno, solitamente a metà mattina e nel primo pomeriggio, da un’oretta, un’oretta e mezza ciascuno.

    Consigli utili: è arrivato il momento, anche se non sembrerebbe visto che si tratta ancora di un neonato così piccolo e tenero, di dare qualche regola e di fissare qualche tempistica, come un orario fisso, sempre lo stesso o quasi, per fare la nanna; nanna che dovrebbe essere parte integrante e culminante di una sorta di piccolo rituale da condividere con mamma e papà, che può essere fatto di massaggini rilassanti e di una ninna nanna cantata dolcemente, per esempio.

    Dal sesto mese all’anno

    Bambini sempre più grandicelli. Cominciano a mangiare un po’ di tutto. L’allattamento è sempre meno frequente e i ritmi sonno/veglia sempre più definiti. Si parte da 10/12 ore di sonno notturno, a cui vanno aggiunti i due pisolini diurni, per arrivare a circa 11 ore di sonno durante la notte e a un riposino al giorno, complice la voglia di scoperta e la curiosità che sono più forti di tutto in questa fase.

    Consigli utili: ora il piccolo è sempre più curioso e attivo, si muove in autonomia, in un modo o nell’altro, e imporgli la culla e il sonno può trasformarsi, in alcuni casi, in una missione impossibile; il consiglio è di non cedere ai capricci, ma di preparare un ambiente per la nanna che lo faccia sentire al sicuro, magari con il suo doudou preferito e la lampada della buona notte che ama tanto.