Si può prendere il sole in gravidanza?

da , il

    prendere sole in gravidanza

    Si può prendere il sole in gravidanza? Ecco la domanda che tutte le future mammine si pongono soprattutto in questo periodo di vacanza. La risposta è semplice: sì, ma con moderazione. La gravidanza è un periodo delicato ma non per questo è necessario modificare del tutto le nostre abitudini; la prima cosa da tenere presente è che in questi nove mesi la pelle diventa più sensibile per colpa degli ormoni e quindi, anche durante l’esposizione al sole, sarà necessario prestare un po’ più di attenzione rispetto al solito. Vediamo insieme come è possibile godersi le vacanze senza rischi per la pelle e per il nostro piccolo, ricordando comunque sempre che una moderata esposizione al sole non può che fare decisamente bene.

    Precauzioni in gravidanza durante l’esposizione al sole

    La regola che vale sempre per le donne incinta (in realtà è una regola che vale davvero per tutti!) è quella di applicare una crema con un fattore di protezione alto, in base alla propria epidermide. Il consiglio però è quello di non scendere mai sotto la protezione 15 per evitare macchie scure che poi sarà davvero difficilissimo eliminare: applicate la crema almeno 20 minuti prima dell’esposizione, in modo che penetri alla perfezione e vi protegga davvero. Per lo stesso motivo sarebbe meglio scegliere delle creme che resistono all’acqua e rinnovare l’applicazione ad ogni bagno. Assolutamente da evitare anche le ore più calde della giornata, in cui i raggi del sole sono più forti e potrebbero provocare scottature ed eritemi: inoltre un caldo eccessivo non fa bene ad una donna incinta, che in queste ore dovrebbe riposarsi in casa o all’ombra.

    I problemi che possono insorgere durante l’esposizione al sole

    I problemi che possiamo riscontrare durante l’esposizione al sole però non riguardano solo la nostra pelle. Prima di tutto è obbligatorio bere molta acqua per evitare la disidratazione che è pericolosa anche per il piccolo che portiamo in grembo. Inoltre, chi ha la pressione molto bassa, dovrebbe evitare le ore più calde per prevenire piccoli collassi o svenimenti. Cercate di non surriscaldare troppo la zona della pancia: durante l’esposizione vi basterà applicare una sciarpa in cotone leggero, magari leggermente umida sulla pancia per evitare che il sole renda la pelle di questa zona bollente. Il sole comunque fa molto bene al nascituro, ovviamente se preso con moderazione. I suoi raggi infatti rendono le ossa dei piccoli più sane, grazie all’apporto della vitamina D e proteggono il nascituro dal rischio di sclerosi multipla.