Settimana mondiale dell’allattamento naturale 2012, tutte le iniziative

da , il

    settimana mondiale allattamento

    E’ cominciata proprio ieri la Settimana mondiale dell’allattamento al seno 2012: un evento unico promosso dall’Alleanza Mondiale per interventi a favore dell’allattamento. In questo 2012 si celebra anche il decimo anniversario dalla pubblicazione della “Strategia globale per l’alimentazione dei neonati e dei bambini” di OMS e Unicef. Già da tempo conosciamo i benefici dell’allattamento al seno ed oggi più che mai è importante diffondere i dati che sottolineano come i bambini allattati naturalmente abbiano più benefici di quelli allattati artificialmente.

    Anche l’Unicef in una nota, sottolinea come l’allattamento al seno possa prevenire malattie come diarrea e polmonite ma anche come il tasso globale di allattamento al seno nei Paesi in via di sviluppo, sia passato dal 32% del 1995 al 39% nel 2010, senza particolari impennate.

    “Se l’allattamento al seno fosse stato promosso in modo più efficace e le donne fossero state protette dal marketing aggressivo dei sostituti al latte materno, oggi molti più bambini sarebbero sopravvissuti e cresciuti, ci sarebbe stata una minore incidenza di malattie e tassi più bassi di malnutrizione e arresto della crescita”, ha detto il Direttore Generale dell’UNICEF Anthony Lake.

    Ovviamente non è sempre facile e scontato per una donna poter allattare al seno. Oltre a donne che non hanno latto o soffrono di patologie che impediscono l’allattamento naturale, ce ne sono altre costrette a rinunciarvi per problemi lavorativi e famigliari.

    In una ricerca del 2008, Lancet Nutrition Series ha sottolineato come un bambino non allattato al seno ha un rischio di morte nei primi sei mesi di vita 14 volte in più rispetto ai piccoli allattati al seno: “L’allattamento al seno deve essere valutato come un vantaggio che non è solo un bene per i bambini, madri e famiglie, ma anche come un risparmio per i governi a lungo termine”, continua Lake.

    Anche le raccomandazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità parlano chiaro: è consigliabile allattare un bambino al seno almeno per i primi sei mesi di vita.

    Per celebrare la Settimana mondiale dell’allattamento al seno 2012 sono stati organizzati vari eventi da Comuni e ASL di zona: una volta per tutte è necessario che ogni mamma sia informata sui vantaggi e sui rischi di un certo tipo di allattamento prima di prendere una decisione.

    Inoltre proprio in questi giorni si celebra la settimana mondiale dell’allattamento al seno e sono tantissime le iniziative pensate per promuovere questo tipo di alimentazione, la migliore per un bambino appena nato.

    Dolcetto o scherzetto?