Sesto mese del neonato: tutto quello che devi sapere

Al sesto mese il neonato ha raggiunto grandi traguardi perchè sa come comunicare e può cambiare alimentazione integrando il latte con i cibi solidi. E cosa dire del fatto che è forte abbastanza per stare seduto senza bisogno di un sostegno? Scopriamo tutto quello che succede durante il mese del mezzo compleanno del bambino.

da , il

    Sesto mese del neonato: tutto quello che devi sapere

    Il sesto mese del neonato rappresenta un’altra tappa fondamentale della sua crescita. Ecco tutto quello che devi sapere sul suo sviluppo e la sua salute, su quello che deve mangiare e quello con cui è meglio che giochi. Il bambino ha già raggiunto metà del suo primo anno di vita e ha già fatto tanti passi avanti: ha imparato a comunicare, mangia anche cibi solidi oltre al suo amato latte, i suoi muscoli riescono finalmente a farlo stare seduto e sta imparando a fare tanti nuovi movimenti. E fra tutte queste cose emozionanti, probabilmente si proverà la gioia di sentirlo pronunciare dei suoni che ricordano le parole “mamma” e “papà”.

    Il neonato di 6 mesi ha raggiunto traguardi importanti tanto da stupire i suoi genitori, che per aiutarlo nella sua crescita devono continuare a farlo sentire sicuro per stimolarlo ad andare avanti a scoprire il mondo. Se non ha però ancora chiara la differenza fra il giorno e la notte e sugli orari dei pasti e del gioco, questo è il momento giusto per insegnargli il ritmo giusto da seguire e regolarizzare le 24 ore.

    Lo sviluppo psicomotorio a 6 mesi

    A sei mesi il bambino ha raggiunto grandi traguardi: è in grado di stare seduto da solo e tiene la testa eretta, ha capito che rotolandosi riesce a spostarsi, dorme quasi tutta la notte, sa che allungando le braccia riesce ad afferrare ciò che gli sta intorno, segue gli oggetti in movimento e sa come deglutire i cibi solidi.

    A livello visivo il bambino riesce a distinguere le sfumature dei colori e riesce a comprendere le profondità e la tridimensionalità.

    Peso e altezza del bambino di 6 mesi

    A 6 mesi il neonato pesa circa il doppio rispetto alla nascita e da questo periodo crescerà in altezza di circa un centimetro al mese. I maschi hanno un’altezza media di 68 centimetri mentre le femmine di 66.

    E’ importante però sottolineare che i genitori non devono preoccuparsi se il proprio figlio non rientra nei percentili canonici poichè ogni individuo si sviluppa secondo il proprio patrimonio genetico. I parametri di peso ed altezza servono invece per considerare il suo stato di salute e come impostare il suo regime alimentare.

    I movimenti e i giochi ai 6 mesi

    Il bambino ai 6 mesi è incuriosito da tutti gli oggetti e le persone che ha intorno e allungando le braccia cerca di afferrare tutto quello che ha vicino.

    Perfetto sarà un tappeto morbido da posizionare a terra sopra il quale mettere tanti oggetti con cui può giocare. Non è necessario che siano giochi, perchè il bambino può essere stimolato anche da oggetti di uso comune come cucchiai e cucchiaini e bicchieri e piatti in plastica.

    Il bambino si divertirà anche a rotolare sul pavimento, anche perchè in questo modo può raggiungere tanti punti diversi della casa, quindi attenzione a mettere in sicurezza l’ambiente dove riesce a muoversi.

    L’alimentazione del neonato a 6 mesi

    Se il neonato è alimentato con latte materno e non vi sono stati particolari problemi nella crescita, è al sesto mese che si inizia lo svezzamento, ossia quando si offre per la prima volta al bambino un’alimentazione diversa dal latte.

    Lo svezzamento non significa comunque rinunciare all’allattamento al seno perchè la mamma può continuare a mantenere alcune poppate, per esempio quella del mattino e quella della sera, arrivando se possibile fino ai 12 mesi.

    Se la mamma non se la sentisse o se il bambino stesse già assumendo latte artificiale, non è ancora il momento di introdurre latte vaccino, ma si dovrà optare per il latte di proseguimento almeno fino al compimento dei 12 mesi.

    Le regole dello svezzamento

    Esistono diversi schemi per eseguire lo svezzamento, ma molti pediatri ritengono che lo svezzamento migliore sia quello che prevede l’introduzione dalla frutta per poi passare agli altri alimenti con gradualità, preparandola prima col solo brodo vegetale e poi aggiungendovi via via gli altri ingredienti. Altri invece invitano ad introdurre prima la carne poichè contiene il ferro, elemento fondamentale al fabbisogno del bambino dai sei mesi in avanti.

    C’è da dire che però non tutti i bambini accettano volentieri da subito alimenti diversi dal latte e la frutta, con il suo gusto naturalmente dolce, rappresenta il modo migliore per convincerli. Ogni giorno comunque si deve provare ad introdurre i nuovi alimenti senza forzarli ma procedendo con fermezza.

    I problemi più frequenti al sesto mese

    • Allergie alimentari: alcuni cibi possono dar luogo a sintomi quali vomito, diarrea, orticaria e gonfiori diffusi. Gli alimenti più spesso responsabili sono il latte vaccino, l’uovo, la frutta secca e il pesce
    • Diarrea: se la diarrea persiste più di un giorno può essere in atto un’infezione intestinale probabilmente causata da virus o batteri presenti in alimenti contaminati o sulle mani sporche
    • Intestino pigro e stitichezza: dai sei e ai dodici mesi il bambino dovrebbe scaricarsi minimo 5 volte a settimana, ma se ciò non accadesse e si notassero feci dure e difficoltà ad espellerle è normale poichè potrebbe essere una conseguenza alla nuova dieta solida

    Il sonno del neonato a 6 mesi

    Dopo il quarto mese di vita il neonato non ha necessità di mangiare durante le ore della notte o comunque ogni 3/4 ore. A 6 mesi il bambino che reclama il latte lo fa per consolazione e non per fame.

    A quest’età si deve quindi procedere con determinazione affinchè questa abitudine non sia più necessaria, in modo che il bambino possa dormire fino alla mattina successiva senza la poppata notturna.

    A 6 mesi il neonato può dormire dalle 6 alle 8 ore di fila, lasciando così modo anche alla mamma di dormire in modo ottimale.

    Non spaventatevi se la mattina lo troverete in una posizione diversa rispetto a quella in cui lo avete messo a dormire, poichè adesso riescono anche a girarsi a pancia sotto o su un fianco, ma per questa ragione è bene non tenere nulla nel suo lettino in modo che non si verifichino pericoli.