Sentirsi cattive madri: come superarlo

da , il

    Sentirsi cattive madri: come superarlo

    Sentirsi cattive madri è purtroppo un sentimento diffuso a causa dell’errata percezione della maternità. Molto spesso diamo per scontato che l’arrivo di un figlio susciti immediatamente un senso di profonda empatia quando in realtà, può essere un evento sconvolgente che va a riaprire vecchie ferite o blocchi inconsci. Le stime parlano chiaro: moltissime donne si sentono inadeguate nei confronti dei figli e, soprattutto all’inizio, faticano a riconoscersi nel ruolo di madri amorevoli. Se a questo si aggiunge la mania del perfezionismo tanto diffusa alle nostre latitudini, la situazione peggiora. Ma allora come superarlo questo sentimento di inadeguatezza?

    Sebbene ci siano madri più “materne” rispetto ad altre, questo non dipende da una maggiore o minore bontà ma dal carattere che inevitabilmente cambia a seconda dell’individuo. Senza contare che ognuna di noi ha una storia personale di un certo tipo e quando durante l’infanzia si sono vissute situazioni emotivamente instabili o traumi di vario genere, le probabilità di sentirsi inadeguate aumentano. Ma sentirsi tali è una cosa, esserlo un’altra. E spesso le madri che soffrono di questa paura, inadeguate non lo sono affatto, ma semplicemente intimorite e spaesate dall’arrivo di un figlio, che non è mai una passeggiata dal punto di vista emotivo, specialmente se non si è consapevoli di certe dinamiche inconsce. Per superare questo sentimento o la tendenza a essere madri anaffettive non esiste una ricetta magica ma alcuni suggerimenti possono tornare utili.

    Smetterla di rincorrere la perfezione

    Uno dei motivi che spinge alcune madri a sentirsi inadeguate e cattive è il perfezionismo estremo, che le induce a confrontarsi con modelli inaccessibili e a rincorrere ideali del tutto assurdi. Ma nessuna madre, per quanto amorevole, è perfetta e se non si fa i conti con questa realtà, diventa difficile gestire in modo sano il rapporto con i figli.

    Rivolgersi a un professionista

    Se il senso di inadeguatezza è tale da procurare veri e propri stati di ansia o depressione, è importante rivolgersi subito a uno psicologo che possa aiutarci a vivere questo momento delicato nel modo più equilibrato possibile. La terapia psicologica può tornare estremamente utile per comprendere e sciogliere certe dinamiche inconsce che impediscono di diventare madri serenamente.

    Non caricare i bambini di aspettative frustrate

    Quando i figli diventano la proiezione delle proprie aspettative frustrate, è facile sentirsi madri inadeguate perché se tradiscono quegli ideali, mostrando una personalità diversa rispetto a quella che ci si aspetta, la delusione prende il sopravvento inducendo le madri a chiedersi cosa abbiano fatto di sbagliato.

    Imparare a volersi bene

    Certo, non è affatto scontato perché a volte ci vuole un’intera vita per impararlo, ma volersi bene è davvero il segreto della felicità. Perché se non impariamo ad amare per primi noi stessi, difficilmente sapremo dare amore ad altre creature. Come riuscirci? Lavorando su se stesse anche con l’aiuto, se necessario, di professionisti che ci guidino in questo percorso di consapevolezza.