NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Peso in gravidanza: la tabella dell’aumento settimana dopo settimana

Peso in gravidanza: la tabella dell’aumento settimana dopo settimana
da in Gravidanza, Peso in gravidanza
Ultimo aggiornamento:

    pregnant woman standing on scales

    La tabella per il peso in gravidanza è importantissima perché è uno strumento unico per le donne che devono tenere sotto controllo l’aumento settimana dopo settimana. I ginecologi ormai sono molto rigidi: l’aumento di peso in gravidanza eccessivo è un male, per la propria salute ma anche per quella del bambino. La stessa raccomandazione vale per l’aumento di peso in gravidanza gemellare che essendo maggiore, va ancor più monitorato. E’ quindi davvero importante stare molto attente a quello che si mangia ed evitare di abbuffarsi: ricordate che il detto “in gravidanza bisogna mangiare per due” è stato più volte smentito! D’altra parte una gravidanza senza chili è potenzialmente pericolosa perché può comportare conseguenze negative sul bambino. Ecco come regolarsi e quanto bisognerebbe ingrassare nei nove mesi di gestazione.

    Nel primo trimestre l’aumento di peso solitamente è scarso ma ogni donna è diversa e possono quindi riscontrarsi differenze a seconda della costituzione e di altri fattori. A volte può capitare persino di perdere peso in gravidanza, specialmente se si accusano nausea frequente e vomito.

    Ecco la tabella che indica l’aumento del peso in gravidanza settimana per settimana, dove i dati riportati indicano le settimane, l’aumento minimo, l’aumento medio e l’aumento massimo in kg, onde evitare il rischio obesità, che può causare nel bambino persino l’asma. Consultando la tabella riportata di seguito, vi sarà facile tenere d’occhio il peso e capirete quanto è giusto ingrassare in gravidanza.

    AUMENTO DI PESO (+KG)

    Settimana Minimo Medio Massimo
    14 1,1 1,5 1,9
    15 1,6 2 2,4
    16 1,9 2,3 2,8
    17 2,2 2,8 3,4
    18 2,5 2,8 3,4
    19 3 3,7 4,5
    20 3,5 4,2 5
    21 3,9 4,7 5,6
    22 4,2 5,2 6,2
    23 4,6 5,7 6,9
    24 4,9 6,1 7,4
    25 5,3 6,6 8
    26 5,6 7 8,5
    27 6 7,5 9
    28 6,3 7,9 9,5
    29 6,7 8,3 9,9
    30 7 8,7 10,4
    31 7,3 9 10,8
    32 7,5 9,4 11,3
    33 7,8 9,7 11,7
    34 8,1 10,1 12,1
    35 8,4 10,5 12,6
    36 8,6 10,8 13
    37 9 11,2 13,5
    38 9,3 11,6 14
    39 9,4 11,7 14,1
    40 9,5 11,8 14,2

    Il calcolo del peso in gravidanza va effettuato calcolando l’indice di massa corporea, ovvero il proprio peso in Kg diviso per l’altezza al quadrato espressa in centimetri. In base al valore ottenuto si capisce se si è normopeso.

    • Un valore compreso tra 19 e 26 è normopeso
    • Un valore inferiore a 19 è sottopeso
    • Un valore superiore a 27 ma compreso entro 30 è sovrappeso
    • Un valore superiore a 30 è parecchio sovrappeso

    In gravidanza è importante seguire una dieta equilibrata, evitando il consumo di pesce e carne crudi che, com’è noto, possono causare la toxoplasmosi, privilegiando invece frutta e verdura fresca in quantità e alimenti sani. Carne e pesce vanno benissimo purché cotti: l’ideale è alternarli nel corso della settimana. Consigliati anche i legumi.

    Da evitare invece i dolci, i fritti e gli insaccati, che favoriscono i chili di troppo.

    Ogni giorno a colazione potrete consumare una tazza di latte, 3-4 fette biscottate o 4-5 cucchiai di cereali tipo corn-flakes. In alternativa anche una macedonia con dello yogurt magro e due biscotti integrali. Come spuntino di metà mattina potrete consumare un frutto o uno yogurt, esattamente come per lo spuntino del pomeriggio.
    Prima di andare a letto bevete un bicchiere di latte tiepido. Il menu di tutti i giorni dovrà essere leggero ma molto vario. Per pranzo potrete consumare della pasta al pomodoro, con un’insalata di lattuga e zucchine grigliate. In alternativa consumate della pasta con piselli e un’insalata con delle scaglie di grana. Per cena potrete consumare dei fusi di pollo al forno, bietole lesse e un panino integrale oppure due uova alla cocque con spinaci cotti al vapore e un panino integrale.

    Quanto ingrassare e quanti chili si perdono dopo il parto? Il consiglio è sempre quello di tenere bene a mente quello che vi dice il ginecologo ed evitare di ingrassare troppo, sia per la salute vostra che del bambino. C’è poi da considerare che dopo il parto si perdono un po’ di chili, più o meno corrispondenti al peso del bambino, ma perdere gli altri richiede sforzo. Meglio prevenire!

    Ecco un esempio di quanto bisognerebbe aumentare di peso in gravidanza:

    PRIMO TRIMESTRE: 1,5-2 Kg (500 grammi al mese)
    SECONDO TRIMESTRE: 4,5-5,5 kg (350-450 grammi alla settimana)
    TERZO TRIMESTRE: 2,5-3,5 Kg (200-300 grammi alla settimana)

    Ricordate sempre che ingrassare troppo in gravidanza è davvero dannoso per la salute del bambino: soprattutto in questo periodo della vita, qualche chilo di troppo non è certo sinonimo di salute, ma di gravi pericoli per la mamma e per il piccolo.

    1775

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN GravidanzaPeso in gravidanza
    PIÙ POPOLARI