Se la donna lavora sceglie di avere un solo figlio

da , il

    Essere una donna che lavora e avere figli non è facile. È una scelta obbligata per molte donne, ma conciliare le proprie esigenze, quelle dei piccoli e fare dignitosamente la propria professione spesso è più complesso di quanto non si creda. E così succede che difficilmente si rischia ad andare oltre al primo figlio. Questo almeno è quanto fotografato dall’ultima indagine Istat che spiega come i percorsi lavorativi femminili osservati in un arco temporale limitato a 10 anni dal primo impiego fanno emergere che il numero di figli avuti condiziona fortemente la capacità di gestire la famiglia e mantenere il proprio lavoro.

    Insomma nel 2010 ci sono ancora molte difficoltà nell’affermarsi come mamma non rinunciando alla carriera, tenendo conto che per la maggior parte il secondo stipendio non è un vezzo ma una necessità. Le casalinghe nel 55,1% dei casi hanno raggiunto il secondo figlio entro 10 anni dal primo lavoro, contro il 42,4% di quelle che mantengono l’occupazione.

    La netta polarizzazione tra volere un figlio subito – cioè entro i tre anni – o non volerne neppure in futuro per le persone in coppia cambia in base al numero di figli già avuti senza significative differenze di genere e di età. Così, se il 69,5% di quelli che non avevano figli nel 2003 desiderava averne uno nei successivi tre anni, tale quota scendeva al 41,6% di quelli con già un figlio e arrivano al 6,6% di coloro con già due o più figli”. Poi gli esperti si interrogano anche sulla salute dei bambini. Non è semplice fare ed essere tutto in una sola volta.

    Foto tratte da

    orble.com

    askamum.co.uk

    dailymail.co.uk

    corbisimages.com

    parentingmatters.co.uk/

    gm.tv