Salvagente o braccioli? Cosa scegliere per i bambini [FOTO]

da , il

    Salvagente o braccioli? Ecco qualche consiglio utile per capire cosa scegliere per i bambini, cosa preferire quando i piccoli di casa fanno il loro primo tuffo in mare o in piscina. Più che una questione di gusti, quando si tratta di bambini sotto l’anno di età è una questione di dimensioni e di sicurezza. Dopo, invece, si può optare per l’uno o l’altro con maggiore libertà. Ma cerchiamo di saperne e capirne di più.

    Per i più piccoli, i bambini che non hanno più di cinque o sei mesi, non c’è molta scelta per i genitori. L’unica opzione possibile, per garantire al bimbo, ma anche a mamma e papà, bagni davvero tranquilli è il salvagente provvisto di riduttore. In particolare, si tratta di un salvagente dotato della mutandina con due buchi per le gambe, che assicura al bambino la massima stabilità a galla e non gli fa rischiare pericolosi scivoloni.

    Quando il bambino diventa più grande, dall’anno e mezzo ai due anni di età circa scattano una seconda e una terza opzione per i suoi bagni sicuri in mare o in piscina. A questo punto, può scegliere tra il salvagente senza mutandina, la più classica delle ciambelle, e i braccioli. Nel primo caso, la scelta va ponderata con attenzione, ma soprattutto modulata in base al peso e alla corporatura del bambino: meglio evitare che il salvagente sia troppo grande o largo, ma anche troppo stretto o fastidioso.

    Le possibilità di scelta aumentano e con esse anche la confusione? Possibile, ma niente panico. Per trovare la soluzione giusta, oltre a consultare il bambino, che a due o tre anni di età è perfettamente in grado di comunicare il suo parere e di esprimere la sua preferenza per il salvagente piuttosto che per i braccioli, è importante tenere in considerazione alcuni fattori. Il salvagente garantisce un sostegno e un equilibrio più completo, ma costringe i movimenti delle braccia del piccolo e rischia di limitarne la voglia di scoperta. I braccioli, invece, sono perfetti per i bambini più dinamici e curiosi, che non hanno paura dell’acqua e di fare i primi esperimenti tra le onde.

    Si che si tratti di salvagenti con la mutandina, di ciambelle o braccioli, è importante effettuare una scelta consapevole prima dell’acquisto. Non bisogna farsi guidare solo dall’estetica, dal prezzo in offerta o dalle richieste del piccolo. È fondamentale controllare che il supporto di sicurezza scelto sia provvisto del marchio CE, che ne attesta la conformità alle normative europee e lo fa rientrare tra i giocattoli sicuri per i bambini.