Salute bambini, i consigli alimentari di Save The Children

da , il

    consigli alimentazione save the children

    Per avere bambini sani, come suggerisce il decalogo di Save the Children e Kraft Foods Foundation, la cosa più importante è dire addio alla sedentarietà e promuovere una sana alimentazione anche tra i più piccoli. Da non dimenticare mai che, anche per i bambini è fondamentale praticare un’attività fisica: in questo modo cresceranno con la cultura di una “vita sana” e anche da grandi tenderanno a mantenere le stesse abitudini. Le regole per la salute dei nostri piccoli, sono state elaborate da Save the Children in collaborazione con Kraft Foods Foundation, vediamole insieme.

    L’importanza di un’alimentazione sana

    Save the Children e Kraft Foods Foundation ricordano come, a partire dall’età prescolare, l’energia giornaliera va suddivisa in 5 pasti al giorno, che devono seguire uno schema ben preciso, ovvero colazione (15%), spuntino a metà mattina (5%), pranzo (40%), merenda nel pomeriggio (10%) e cena (30%). Importantissima è poi la colazione: i bambini dovrebbero avere il tempo necessario per consumare una colazione completa che comprenda cereali o prodotti da forno, latte o yogurt e frutta. Cercate anche di far bere ai bambini molta acqua e di variare i cibi per pranzo e per cena, così da stimolarli ad un’alimentazione sana e varia. Inoltre, mai accendere la televisione durante il pranzo o la cena, in modo che diventino anche dei momenti di socializzazione per la famiglia. Ricordate poi che la merenda va bilanciata con il resto dei pasti: durante l’estate sono consigliate soprattutto le macedonie di frutta, che non deve mai mancare in una dieta sana, ma anche un bel gelato è quello che ci vuole per rinfrescare e idratare.

    Lo sport per vivere sani

    Ogni giorno un bambino dovrebbe fare attività fisica: almeno 30 minuti di camminata ma anche semplicemente salire le scale e fare qualche giro in bicicletta. L’importante è che i piccoli non rimangano sul divano tutto il giorno: per i piccoli pigroni, la cosa migliore da fare è cercare di spronarli a seguire qualche attività di gruppo, con amichetti della loro età. Anche i genitori però devono essere coinvolti: nel week end, ad esempio, sarebbe buona norma coinvolgere i bambini in attività all’aperto o in gite fuori porta. Ovviamente saranno proprio i genitori a dovere dare il buon esempio cercano di evitare una vita sregolata e troppo sedentaria: coinvolgete quindi i bambini in attività anche semplici, come andare a fare la spesa in bici o portare il cane a fare una passeggiata. Vedrete che in questo modo sarà facilissimo spronarli a fare un po’ di attività fisica giornaliera.