Quarto mese del neonato: tutto quello che devi sapere

Al quarto mese di vita il neonato fa grandi progressi e oltre a dormire meno e con più regolarità, è anche più attento verso l'ambiente che lo circonda. Ecco quello che la mamma deve sapere sulla sua crescita e il suo sviluppo psicomotorio, con i consigli sull'allattamento e l'inizio dello svezzamento oltre a tanti utili consigli per vivere al meglio questo periodo della maternità.

da , il

    Quarto mese del neonato: tutto quello che devi sapere

    Il quarto mese del neonato è un momento importante per la mamma e il bambino. Abbiamo raccolto le informazioni su tutto quello che devi sapere per vivere appieno una fase caratterizzata da un po’ più di regolarità rispetto ai mesi precedenti. Il piccolo ora si alimenta e dorme ad orari ciclici e l’esperienza della mamma avrà fatto in modo di renderla più sicura in ogni suo passo. Sarà divertente ascoltare i suoi gorgoglii e le espressioni vocali, nonchè le sue espressioni felici, arrabbiate o sorprese che sapranno emozionare mamma e papà.

    Al quarto mese di vita il bambino è più robusto poiché si stanno sviluppando i muscoli, in primis quelli del collo, delle spalle e della schiena. In questo periodo infatti, oltre al piacere di vedere nuove espressioni facciali e sonore, mamma e papà lo vedranno tentare si sollevarsi quando è sdraiato provando ad alzare anche la testa. Non ci si dovrà sorprendere infatti se dopo averlo lasciato a pancia in su lo ritroveremo girato a pancia in giù. Ma questa è una fase della sua vita in cui può cominciare anche a sperimentare una nuova alimentazione che lo porterà a nuovi stimoli di crescita. Il quarto mese è difatti una delle tappe più emozionanti nella vita di un neonato.

    Lo sviluppo psicomotorio del neonato a 4 mesi

    Arrivati al quarto mese di vita il bambino è più vigile e cerca di utilizzare ogni mezzo per interagire con l’ambiente che lo circonda e soprattutto con la mamma, il papà e le altre persone con cui è abituato a stare. Utilizzando la voce, il sorriso, il pianto, la mimica facciale, le mani e i piedi si diverte a comunicare con le persone che frequenta.

    Se viene chiamato riesce a girare la testa e vedendo qualcuno che gli sorride e gli parla riesce a sorridere.

    Con le mani cerca di afferrare gli oggetti che ha intorno e si diverte a scuoterli.

    Adesso il bambino riesce a rimanere seduto appoggiandosi con la schiena e può’ sollevare la testa quando è sdraiato di schiena.

    Avendo scoperto come comunicare, cresce nel bambino il suo desiderio di rimanere con le persone e soffre se lasciato solo.

    E’ socievole e non ama essere lasciato solo a lungo.

    A quattro mesi la sua visione dei colori è quasi al 100% come quella di un adulto.

    Il pediatra effettuerà alcune verifiche che oltre ai dati fisici valuti questi punti per compilare i “bilanci di salute” stabilendo se il bambino abbia raggiunto uno sviluppo-psicofisico regolare.

    Peso e altezza del neonato a 4 mesi

    I bilanci di salute prevedono anche un’analisi fisica e al quarto mese il neonato dovrebbe avere un peso medio di circa 6,5 kg e una lunghezza media di 65 cm.

    Se non ha raggiunto queste misure va ricordato che, soprattutto la statura dipende in grande misura dalla genetica e in minima parte dallo stile di vita, ossia dall’alimentazione, dall’attività motoria e dall’atmosfera in famiglia. Il figlio di genitori di bassa statura nella maggior parte dei casi avrà quindi valori di lunghezza minori di questo dato.

    I genitori devono però effettuare un controllo dei valori di crescita per verificare che nell’arco dei mesi vi sia una regolarità del ritmo, facendo attenzione che non vi sia un arresto nell’aumento nell’arco di un mese. L’importante quindi non è avere un bambino più grande o più piccolo dei valori medi, ma che l’aumento di peso e statura siano costanti nel tempo e adeguati l’uno all’altro.

    Fra le misure da controllare vi è anche il controllo della circonferenza cranica poichè essa ha un accrescimento in parallelo alla crescita del cervello contenuto al suo interno. Anche in questo caso l’oscillazione media può dipendere da vari fattori fra cui quelli ereditari ed è più importante seguirne il ritmo di crescita piuttosto che valutarne la grandezza rispetto ai valori mesi.

    I disturbi più comuni nei neonati al 4 mese

    Soprattutto a seconda della stagionalità, i disturbi più comuni che possono minacciare il benessere del neonato di 4 mesi sono:

    • Dermatite atopica: una reattività anomala contro una varietà di possibili sostanze che si evidenzia con la formazione di chiazze rosse e di pelle secca e screpolata
    • Vomito: comporta una perdita rilevante di acqua e sali minerali da non sottovalutare soprattutto se gli episodi tendono a ripetersi nell’arco della giornata
    • Infezione gastrointestinale: il pediatra potrà prescrivere l’impiego di fermenti lattici, utili a ripristinare la flora intestinale
    • Diarrea: come per il vomito può comportare una perdita rilevante di acqua e sali minerali e se ripetuta necessita di una visita dal pediatra
    • Stitichezza: il bambino allattato al seno evacua ogni giorno generalmente con feci molli, ma non c’è da preoccuparsi se si scarica di meno, cosa più frequente nei bambini nutriti con latte artificiale

    Le vaccinazioni del 4 mese

    Entro il quarto mese il neonato deve aver effettuato la terza iniezione del vaccino contro l’Haemophilus influenzae, il vaccino contro la difterite, il tetano, la poliomielite, la pertosse e lo pneumococco, ed eventualmente la prima dose della vaccinazione anti epatite B.

    La somministrazione delle dosi di vaccino deve avvenire in base al calendario vaccinale redatto dal Ministero della salute, da rispettare scrupolosamente per assicurare la copertura immunitaria.

    Le poppate e l’alimentazione a 4 mesi

    A seconda se sia alimentato tramite il latte della mamma o il latte artificiale ma anche dalla taglia e dalla sua capacità o meno di tenere in su la testa, il bambino a 4 mesi può cominciare gradualmente ad assumere cibi solidi da integrare al latte che già assume. Il latte deve comunque rimanere ancora la prima fonte di nutrimento, introducendo in modo molto lento e graduale solo alla fine del quarto, quinto o sesto mese gli alimenti per lo svezzamento.

    Se assume latte artificiale si deve passare al latte di proseguimento, mentre gli alimenti solidi che possono essere introdotti sono dapprima la frutta come mela e pera e i cereali senza glutine.

    Oltre al latte di proseguimento, è il momento giusto per cominciare a variare l’alimentazione. Comincia progressivamente a introdurre un solo elemento per volta e in piccole quantità. Puoi cominciare con il pesce e la carne, tritati, in quantità da un cucchiaio.

    Per il dolce e la merenda, puoi proporre alcune novità al tuo bambino: formaggio bianco, yogurt bianco, frutta cotta.

    Lo stomaco del bambino a questa età è già sufficientemente grande per poter diradare i pasti arrivando gradualmente al numero di quattro durante le 24 ore. Il cibo non rappresenta più il suo primo interesse ed è per questo che da adesso in poi sarà facile che si distragga mentre mangia.

    Un consiglio per le mamme? Dargli da mangiare in una stanza tranquilla senza distrazioni a livello visivo o uditivo.

    I giochi adatti ad un neonato di 4 mesi

    Il bebè di 4 mesi è diventato più abile con le mani con le quale riesce ora ad afferrare tutto quello che ha intorno a lui e che ama scuotere e mettere in bocca per conoscerlo. Questo è il momento per prima cosa di riporre al sicuro dalla sua presa tutti gli oggetti piccoli o pericolosi.

    A quattro mesi la vista del piccolo è molto migliorata e comincia anche a distinguere i colori e per questo motivo sarà attratto maggiormente dagli oggetti dai colori accesi o dal contrasto del bianco e nero.

    Ecco perchè i giochi e le attività consigliate a 4 mesi comprendono giocattoli colorati che possa anche toccare le diverse consistenze e sentirne il rumore. Via libera ai sonagli ma soprattutto al vostro incoraggiamento nel fargli provare gli oggetti che sceglierete per lui.

    Il sonno a 4 mesi

    A 4 mesi il neonato comincia ad avere un sonno più regolare arrivando a dormire fino a 8 ore la notte fino ad un totale di 15/16 ore in totale ogni giorno.

    Il bambino non ha più bisogno della poppata notturna, ma se non ha ancora perso l’abitudine di svegliarsi gli si può dare il ciuccio o lasciarlo succhiare il pollice evitando di dargli il biberon con il latte in modo che la mamma possa riprendere a dormire tutta la notte.