Quando fare il test di gravidanza

Test gravidanza

Capita a tutte prima o poi di dover fare un test di gravidanza, ma come funziona esattamente e quando è bene farvi ricorso senza rischiare di ottenere risultati incerti? A meno che non si tratti di una gravidanza programmata, il test mette sempre una certa ansia e i falsi allarmi non sono affatto piacevoli!

Il test di gravidanza
I test di gravidanza identificano nelle urine la presenza dell’ormone Beta-Hcg, prodotto da un tessuto embrionale che con l’avanzare della gestazione si trasforma in placenta. Se il valore dell’ormone è inferiore a 10ui/l l’esito è negativo, nel caso in cui sia uguale o superiore a questa cifra è ovviamente positivo. I test, oramai sicuri al 99%, sono utili strumenti per eliminare eventuali dubbi su una gravidanza in corso, ma se non eseguiti nel modo corretto e al momento giusto possono dare risultati poco chiari. Il Beta-Hcg aumenta infatti col passare del tempo e raggiunge il picco massimo tra le 7 e 12 settimane di gestazione, rimanendo a quel punto stabile sino alla fine della gravidanza. I falsi positivi possono verificarsi se per esempio è trascorso poco tempo dal parto, mentre un test di gravidanza negativo può essere errato se è stato eseguito troppo presto o se la confezione è stata conservata in ambienti troppo caldi o troppo freddi. E’ sempre consigliabile eseguire il test senza aver bevuto e al risveglio, quando le urine sono maggiormente concentrate. Infine, per evitare spiacevoli errori, non bisogna mai dimenticare di verificare la data di scadenza!
Il momento migliore per fare il test
Il momento migliore per fare il test di gravidanza dipende molto dal ciclo mestruale di ciascuna donna: se è irregolare bisogna aspettare sino a 12-15 giorni dalla mancata mestruazione, se invece è regolare può essere eseguito già dal giorno successivo. Nel caso in cui il ciclo non compaia anche se si è ricorsi alla pillola del giorno dopo, per eseguire il test di gravidanza bisogna aspettare una quindicina di giorni dalla data in cui si è assunto il contraccettivo. Inutile ricorrere al test subito dopo il rapporto a rischio, l’ormone Beta-Hcg inizia a circolare nell’organismo solo quando l’ovulo fecondato risale la tube di Falloppio e si impianta nell’embrione sull’endometrio, ovvero dopo 7-9 giorni, anche se per rintracciarlo nelle urine occorrono sino a 12-15 giorni dal concepimento. Si ricorda infine che il test di gravidanza può essere fatto anche durante l’allattamento e in presenza di flusso mestruale molto lieve.

Segui Pour Femme

Venerdì 22/11/2013 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Paper Project
Segui PourFemme
Scopri PourFemme
torna su