NanoPress Allaguida Pourfemme Tecnocino Buttalapasta Stilosophy Tantasalute DesignMag QNM MyLuxury

Poesie per la Festa della Mamma per la scuola dell’infanzia

Poesie per la Festa della Mamma per la scuola dell’infanzia

Ecco una selezione delle poesie per la Festa della Mamma più belle per i bambini della scuola dell'infanzia. Abbiamo scelto poesie d'autore, altre di autori anonimi o meno conosciuti, altre ancora in rima e in napoletano, queste ultime decisamente divertenti e gioiose. Ecco le più belle da cui trarre ispirazione.

da in Festa della Mamma, Maestre, Poesie per bambini
Ultimo aggiornamento:
    Poesie per la Festa della Mamma per la scuola dell’infanzia

    Scopriamo le più belle poesie per la Festa della Mamma per la scuola dell’infanzia. Una poesia è sempre apprezzata per la Festa della Mamma perché non c’è niente di più adatto per toccare corde profonde del suo cuore ed emozionare mamma. In effetti selezionare la poesia giusta non è così semplice, bisogna puntare l’attenzione su versi significativi, che mostrino ciò che proviamo per lei. Ecco allora una selezione delle poesie per la Festa della Mamma per bambini della scuola dell’infanzia da dedicare o da cui trarre ispirazione.

    Ecco alcune poesie d’autore dedicate alla mamma e altre di persone comuni, da proporre per una dedica o da cui trarre ispirazione se i bimbi hanno bisogno di un aiutino. Le poesie di autori famosi sono l’ideale per emozionarla.

    Grazie mamma di Judith Bond

    Grazie mamma
    perché mi hai dato
    la tenerezza delle tue carezze,
    il bacio della buona notte,
    il tuo sorriso premuroso,
    la dolce tua mano che mi dà sicurezza.
    Hai asciugato in segreto le mie lacrime,
    hai incoraggiato i miei passi,
    hai corretto i miei errori,
    hai protetto il mio cammino,
    hai educato il mio spirito,
    con saggezza e con amore
    mi hai introdotto alla vita.
    E mentre vegliavi con cura su di me
    trovavi il tempo
    per i mille lavori di casa.
    Tu non hai mai pensato
    di chiedere un grazie.
    Grazie mamma.

    La mamma di Roberto Piumini

    Due braccia che m’abbracciano,
    due labbra che mi baciano,
    due occhi che mi guardano,
    e mani che accarezzano
    e sento un buon odore
    e sento un bel sapore:
    la mamma e’ questo per me
    e molto altro ancora:
    la mamma e’ una dolcissima signora.

    Proprio come te

    Cara mammina, mi piace guardare,
    mentre per casa ti dai da fare:
    accendi un fornello, rifai un letto,
    metti una maglia dentro un cassetto,
    prepari un dolce alla marmellata,
    ti vesti e ti trucchi come una fata,
    in un baleno sei pronta ad uscire
    per lavorare fino all’imbrunire.
    Poi torni a casa facendo la spesa
    e non ti scordi per me una sorpresa,
    prepari la cena, mi fai il bagnetto,
    metti i giocattoli nell’armadietto.
    Mi narri la storia di Pollicino,
    mentre mi infili il pigiamino,
    spegni la luce, mi dai un bacino,
    attacchi un bottone al mio cappottino.
    Fra le tue mani, come d’incanto,
    in casa funziona tutto quanto.
    Sei proprio magica, credi a me:
    io vorrei essere come te.

    La madre di Giuseppe Ungaretti

    E il cuore quando d’un ultimo battito
    avrà fatto cadere il muro d’ombra
    per condurmi, Madre, sino al Signore,
    come una volta mi darai la mano.
    In ginocchio, decisa,
    Sarai una statua davanti all’eterno,
    come già ti vedeva
    quando eri ancora in vita.
    Alzerai tremante le vecchie braccia,
    come quando spirasti
    dicendo: Mio Dio, eccomi.
    E solo quando m’avrà perdonato,
    ti verrà desiderio di guardarmi.
    Ricorderai d’avermi atteso tanto,
    e avrai negli occhi un rapido sospiro.

    Ecco alcune poesie per la mamma corte da dedicarle in occasione della sua Festa.

    La mamma di Ada Negri

    La mamma non è più giovane
    e ha già molti capelli grigi:
    ma la sua voce è squillante
    di ragazzetta e tutto in lei è chiaro
    ed energico: il passo, il movimento,
    lo sguardo, la parola.

    Le Mani della Madre di Rainer Maria Rilke

    Tu non sei più vicina a Dio
    di noi; siamo lontani tutti. Ma tu hai stupende
    benedette le mani.
    Nascono chiare in te dal manto,
    luminoso contorno:
    io sono la rugiada, il giorno,
    ma tu, tu sei la pianta.

    Di seguito una selezione di poesie per la Festa della Mamma in rima, da dedicarle.

    Mamma, mammina’, di A. Staltari

    Filastrocca della mamma
    nel tuo cuor brilla una fiamma
    grande come il sole in cielo
    e l’amor di un bimbo sincero.
    Mamma mammina
    sei dolce
    sei carina
    quando abbracci il tuo piccino
    e lo culli pian pianino
    quando ascolti con pazienza
    e di sorrisi non resti mai senza.
    Mamma mammina con la pace e l’allegria sei la gioia più grande che ci sia!
    Giro, giro tondo, auguri a tutte le mamme del mondo.

    Per la tua festa dolce Mamma di Stephen Littieuord

    Ho raccolto i fiori più belli del nostro giardino.
    Ho colorato il disegno più speciale,
    Ho cercato tra i ricordi la storia più bella.
    Tutto questo per fartene dono,
    anche se, il fiore più bello, i colori più accesi,
    e la storia più speciale nella mia vita,
    sei tu Mamma!
    Auguri, è la tua festa!

    Le mie mani per la mamma di Annalisa di Roma

    Con le mie mani seppur piccoline,
    tantissime cose io posso fare.
    Le posso battere,le posso guardare
    delle carezze io posso dare.
    E oggi, mamma, che è la tua festa,
    le mie manine ti voglio donare.
    E ora mi metto le mani sul cuore
    Per dimostrarti il mio grande amore.
    E con le mani ti mando un bacino
    Stringimi forte e stammi vicino.

    Ti voglio tanto bene di Lina Schwarz

    Ho pregato un poeta
    di farmi una poesia
    con molti auguri per te,
    mammina mia;
    ma il poeta ha risposto
    che il verso non gli viene;
    così ti dico solo:
    ti voglio bene!

    Un cuore rosso color dell’amore di Jennifer di Barbara

    Semplicemente un pensierino
    Per te mammina mia.
    Un regalo piccino piccino
    Per ringraziarti che mi stai vicino.
    Un cuore rosso color dell’amore,
    che batte sempre a tutte le ore.
    Un cuore che batte sempre per te,
    che sei la cosa più bella che c’è.

    Alla mia mamma di Elio Giacone

    Quando apro i miei occhi al mattino
    la mia mamma mi viene vicino,
    mi accarezza pian piano la testa
    poi sorride e i suoi occhi fan festa.
    Non ci sono, lo so, mamme brutte,
    ma la mia è la più bella di tutte.
    Se son triste sa sempre che fare,
    sa cantare, ballare e giocare.
    Se, correndo, mi faccio un po’ male,
    la mia mamma ha un rimedio speciale:
    mi dà un bacio e così, per magia,
    tutto il male che avevo va via.
    Voglio dirle tantissime cose,
    regalarle bellissime rose
    e una casa che sembra un castello,
    col giardino, ma senza il cancello.
    Chiamo tutti i bambini del mondo
    e facciamo un bel girotondo
    con la mamma che ride e poi dice:
    “Son contenta se tu sei felice!”

    E’ la mia mamma di Jolanda Restano

    Mi coccola, mi carezza, mi prende in braccio,
    mi bacia e mi conforta con il suo abbraccio,
    mi ama, mi aiuta, mi vuole bene
    a lei confido sempre tutte le mie pene
    Scalda il mio cuore come una fiamma:
    è la mia mamma!

    A cchiù sincera di Totò

    Tengo na ‘nnammurata ca è tutt’ ‘a vita mia.
    Mo tene sittant’anne, povera mamma mia!
    Cu chella faccia ‘e cera, sotto ‘e capille janche, me pare na sant’Anna cu ll’uocchie triste e stanche.
    Me legge dint’ ‘o penziero, me guarda e m’anduvina si tengo nu dulore si tengo quacche spina.

    Dincello, mamma mia di Totò

    Oggi mamma m’ha ditto:
    guardeme ‘nfaccia e dimme ‘a verità,
    te veco triste e afflitto
    figlio mio bello dimme c’aggia fà?
    Parla sinceramente
    io te sò mamma e nun me puo ngannà,
    rispunne onestamente
    si vuo fà pace nce vaco io a parlà.
    Dincello mamma mia
    c’ ‘a voglio sempe bene,
    c’ ‘a porto dint’ ‘o core,
    c’ ‘a tengo dint’ ‘e vene,
    è tutta ‘a vita mia
    nun m’ ‘a pozzo scurdà,
    sta femmena è d’ ‘a mia
    essa ha da riturnà.

    Mammema nci ha parlato
    ll’a ditto piccerè tu che vuò fà?
    Pecchè ll’he abbandonato,
    figlieme senz’ ‘e te nun pò campà.
    Povera mamma mia
    comme na santa ll’he ghiuta a prià,
    ritorna figlia mia
    songo na mamma e nun m’ ‘o può annià.

    Dincello mamma mia
    c’ ‘a voglio sempe bene,
    c a porto dint’ ‘o core,
    c’ ‘a tengo dint’ ‘e vene,
    è tutta ‘a vita mia
    nun m’ ‘a pozzo scurdà,
    sta femmena è d’ ‘a mia
    essa ha da ritumà.

    Per la mia mammina di Totò

    Si fosse n’auciello
    Si fosse n’auciello
    ogni matina vurria cantà
    ncoppa ‘ fenesta toia:

    Buon giorno mamma mia,
    bungiorno, ammore!!!..
    Pò vurria zumpà
    ncoppe ‘e capille
    e,chianu chianu,
    comme na’ carezza
    stu beccuccio
    accussì piccirillo
    mme te mangiasse
    ‘e vase a pezzechillo…
    si fosse nu canario
    o nu cardillo.

    1536

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Festa della MammaMaestrePoesie per bambini
    PIÙ POPOLARI