Per la festa della mamma le canzoni più belle [VIDEO]

da , il

    La festa della mamma è ormai vicina e quale modo migliore per festeggiarla, se non con delle canzoni bellissime da dedicare alla donna più importante della nostra vita? Vi proponiamo infatti qualche spunto per le vostre dediche che la mamma apprezzerà moltissimo. Si tratta di brani scritti da grandi cantanti che hanno deciso di dedicare alla loro mamma. Ricordate, in questa giornata così importante, di ringraziare la vostra mamma per tutto quello che ha fatto, che fa e che farà sempre per voi.

    “Uguale a lei” di Laura Pausini

    Lei il viso che non scorderai

    L’orgoglio ed il coraggio lei

    Come un tesoro l’oro dentro gli occhi suoi

    Lei l’estate che ricanterai

    il giorno che ricorderai

    e mille cose che non sai

    che può insegnarti solo lei

    lei la tua ragione il tuo perché

    il centro del tuo vivere

    la luce di un mattino che,

    che non perderai lei lo

    specchio dove tornerai

    dove ti riconoscerai

    semplicemente come sei, uguale a lei.

    Lei l’estate che ricanterai

    il giorno che ricorderai

    e mille cose che non sai

    che può insegnarti solo lei

    lei regala i suoi sorrisi senza mai

    svelare al mondo quando non ne ha

    privando il suo dolore libertà,

    lei forse è l’amore che non ha pietà

    che ti arricchisce con la povertà

    di un gesto semplice che eternità

    lei la tua ragione il tuo perché

    il centro del tuo vivere

    la luce di un mattino che,

    che non perderai

    lei lo specchio dove tornerai

    dove ti riconoscerai

    semplicemente come sei

    esattamente come lei

    lei….lei…..lei…..

    “Mamma” di Beniamino Gigli

    Mamma, son tanto felice

    perché ritorno da te.

    La mia canzone ti dice

    ch’è il più bel sogno per me!

    Mamma son tanto felice…

    Viver lontano perché?

    Mamma, solo per te la mia canzone vola,

    mamma, sarai con me, tu non sarai più sola!

    Quanto ti voglio bene!

    Queste parole d’amore che ti sospira il mio cuore

    forse non s’usano più,

    mamma!,

    ma la canzone mia più bella sei tu!

    Sei tu la vita

    e per la vita non ti lascio mai più!

    Sento la mano tua stanca:

    cerca i miei riccioli d’or.

    Sento, e la voce ti manca,

    la ninna nanna d’allor.

    Oggi la testa tua bianca

    io voglio stringere al cuor.

    Mamma, solo per te la mia canzone vola,

    mamma, sarai con me, tu non sarai più sola!

    Quanto ti voglio bene!

    Queste parole d’amore che ti sospira il mio cuore

    forse non s’usano più,

    mamma!,

    ma la canzone mia più bella sei tu!

    Sei tu la vita

    e per la vita non ti lascio mai più!

    Mamma… mai più!

    “Viva la mamma” di Edoardo Bennato

    Viva la mamma

    C’e’ folla tutte le sere

    nel cinema di Bagnoli

    un sogno che e’ in bianco e nero

    tra poco sarà a colori

    l’estate che passa in fretta

    l’estate che torna ancora

    i giochi messi da parte

    per una chitarra nuova…

    Viva la mamma

    affezionata a quella gonna un po’ lunga

    così elegantemente anni 50

    sempre così sincera.

    Viva la mamma

    viva le donne con i piedi per terra

    le sorridenti miss del dopoguerra

    pettinate come lei.

    Angeli ballano il rock – ora -

    tu non sei un sogno tu sei vera

    viva la mamma perché

    se ti parlo di lei

    non sei gelosa.

    Viva la mamma

    affezionata a quella gonna un po’ lunga

    indaffarata sempre e sempre convinta

    a volte un po’ severa

    viva la mamma

    viva la favola degli anni 50

    così lontana eppure cosi’ moderna

    e così magica.

    angeli ballano il rock – ora -

    non e’ un juke box, e’ un’orchestra vera

    viva la mamma perché

    se ti parlo di lei

    non sei gelosa.

    Bang bang, la sveglia che suona

    bang bang, devi andare a scuola

    bang bang, soltanto un momento

    e’ bello sognare ancora!

    Viva la mamma

    viva le regole e le buone maniere

    quelle che non ho mai saputo imparare

    forse per colpa del rock

    forse per colpa del rock.

    “Profumo di Mamma” di Anna Tatangelo

    Sento qualcosa alla pancia e più tonda la guancia che cosa sarà

    Oggi mi gira la testa lo stomaco è in festa chissà che sarà

    Ora mi faccio un tè caldo più tardi poi scendo e vengo da te

    Dopo preparo la cena con quello che c’è

    Forse ho capito qualcosa sarà una sorpresa stasera per te

    Qui c’è qualcuno che bussa ma non alla porta, è dentro di me

    Sento la mia adrenalina salire salire ancora più su,

    mentre un profumo di mamma si ferma quaggiù

    Già sento battere il suo cuore arriva il frutto dell’amore

    è un principino da cullare e poi la notte coccolare

    sarà bello come il sole, spero che somigli a me, lo sai che sono bella più di te.

    Faccio uno squillo alla mamma le dico che nonna al più presto sarà

    sto già pensando al suo nome, ma quello del nonno non credo che avrà

    anche se poi non è biondo, il bambino più bello del mondo sarà

    quando comincerà a dire mamma e papà

    Già sento battere il suo cuore arriva il frutto dell’amore

    e il suo pianto naturale sarà musica speciale

    la catena per legare questo amore sempre più

    se vuoi adesso puoi sentire

    ..battere il suo cuore il nostro frutto dell’amore è un principino da cullare e poi la notte coccolare

    quella stella da seguire nel cammino insieme a me, il gioco da dividere con te..

    per ore ed ore nell’amore e nel dolore nella vita che più vita ora c’è

    Già sento battere il suo cuore arriva il frutto dell’amore

    è un principino da cullare e poi la notte coccolare

    sarà bello come il sole, spero che somigli a me, lo sai che sono bella più di te.