Per il bene della loro bimba, Asia Argento e Morgan fanno pace e scelgono l’affido condiviso

da , il

    Asia Argento Morgan figlia affido condiviso

    Tutto è bene quel che finisce bene! Asia Argento e Morgan hanno finalmente sotterrato l’ascia di guerra e, per il bene della loro bambina, Anna Lou, hanno deciso per l’affido condiviso. Una scelta saggia, che riporta la pace tra i due ex innamorati (ma non certo ex genitori), dopo un periodo piuttosto tormentato, in cui Asia aveva pensato di sottrarre la piccola alla patria potestà a seguito della confessione di Morgan di fare uso di sostanze stupefacenti per stimolare la sua creatività. Da quel momento, il cantautore aveva fatto di tutto per poter rivedere la sua bimba, persino arrivando a scrivere una lettera direttamente dal Capo dello Stato italiano, Giorgio Napolitano.

    Ma ora sembra tutto appianato, dalle pagine di Gente, Asia parla con molta serenità degli accordi raggiunti con l’ex. “Per il bene di nostra figlia mi fido ancora di Morgan – ha spiegato al settimanale – Siamo sereni e ci parliamo. Ho avuto paura che lui non stesse bene, ho avuto paura per mia figlia. Ma non siamo imbecilli, doveva per forza finire bene nell’interesse di tutti. Così abbiamo scelto l’affido condiviso. Ci sono stati alcuni incontri con gli psicologi e ho capito che si poteva fare. Ora la bimba può stare con il padre quando ci sono anche la sorella o la madre”. Bene, siamo davvero contenti per l’epilogo positivo di questa vicenda!