Per Eva Herzigova la cosa più bella del mondo è fare la mamma!

da , il

    Eva Herzigova mamma lavoro piu bello

    Una modella bellissima che però ha abbandonato il mondo dorato delle passerelle anche per fare la mamma che, secondo lei, è il lavoro più bello del mondo. Stiamo parlano della meravigliosa Eva Herzigova che in una recente intervista ha parlato del suo ruolo di mamma e compagna felice. Vive a Londra, con il papà dei suoi figli, l’imprenditore torinese Gregorio Marsiaj, ma è spesso a Varigotti, il luogo di villeggiatura preferito dalla famiglia e dove sta ristrutturando una casa. «Sono molto fiera, orgogliosa, decisa. Non so se questo significa essere forte» dice lei che con tenacia ha costruito la sua carriera e la sua famiglia.

    Innamoratissima del compagno di cui dice: «Greg è il mio grande amore, so che staremo insieme per tutta la vita, anche se non voglio sposarmi. Non conosco coppie sposate davvero felici». Ed ecco anche come si sono conquistati: «Tutto merito di Cupido: appena l’ho visto, ho voluto solo lui. Ma mi ignorava, faceva il difficile, era odioso con me. Forse per questo mi ha fatto innamorare, si comportava in modo diverso da tutti gli altri».

    Mamma di due bambini, Eva è sempre solare e molto professionale: «Quando io ero piccola non c’erano soldi e non c’era tempo da perdere. Io e i miei fratelli eravamo come soldatini agli ordini di mia madre, che faceva tutto senza aiuti. Cerco di passare più tempo possibile con George e Philip. George ha iniziato a fine agosto l’asilo e lo accompagno io tutte le mattine. Ma sinceramente non credo che riuscirei a fare come mia madre, tutto da sola. Senza la tata, vado nel panico!» racconta.

    Una mamma amorevole ma che è anche severa quando serve: «Quando devo sgridarli, non urlo, chiedo: mi ascolti? In ceco, però: Poslouchej mě? Suona un po’ più autoritario».

    Una donna che ama i suoi bambini ma che non rinuncia alla femminilità, anche tra i mille impegni della giornata: «Sono una mamma non una suora. E grazie al cielo, Greg è altissimo, quindi posso portare i tacchi».