Patate in gravidanza, si possono mangiare?

da , il

    4435russet_potatoes

    Patate in gravidanza, si possono mangiare? Ovviamente sì. Anzi, sono tra gli alimenti da consigliare durante la dolce attesa, grazie alle loro numerose proprietà benefiche. Una sola premessa è d’obbligo, questi tuberi sono miniere di sostanze nutritive preziose soprattutto per le future mamme ma non sono decisamente ipocalorici, quindi meglio non esagerare con le quantità e le preparazioni troppo elaborate.

    Le patate, veri toccasana per la salute, quindi? Decisamente sì, il tubero più utilizzato in cucina, nella dieta mediterranea ma non solo, è ricco di carboidrati, presenti sotto forma di amidi, di vitamine dei gruppi C e B, e di minerali. Le patate, infatti, sono una fonte preziosa di ferro, potassio e magnesio.

    Tutti ottimi alleati della salute durante la dolce attesa. In particolare, il potassio è un elemento benefico per la circolazione sanguigna, in grado di favorire il corretto microcircolo, prevenendo i crampi e i pericolosi ristagni di liquido, che causano la tanto odiata cellulite, soprattutto grazie alle sue spiccate qualità diuretiche. Il magnesio è un minerale che stimola il buon umore, è un ottimo anti-stress e anti-fatica naturale, mentre l’elevato apporto di ferro rende la patata l’alimento ideale per contrastare in modo efficace l’anemia, uno dei possibili effetti collaterali della gestazione.

    Un po’ di attenzione anche per alcune sostanze meno conosciute, rispetto a minerali e vitamine, cioè gli amidi, noti anche come zuccheri a lento assorbimento, che si rivelano grandi alleati della dolce attesa capaci di garantire alla futura mamma una buona riserva di energia. Importanti fonti di energia progressiva, ma non solo, gli amidi contribuiscono anche ad assicurare il senso di sazietà, scongiurando il pericolo abbuffate fuori controllo, un rischio concreto quando c’è il pancione.

    Come se gli aspetti positivi e i benefici delle patate non bastassero a renderle protagoniste della corretta alimentazione delle donne in dolce attesa, meglio ricordare anche l’elevato apporto di fibre che assicurano. Preziosissime fibre, che possono vantare, oltre alle ben note proprietà diuretiche, emollienti e protettive sulle pareti gastriche, anche effetti benefici sul processo digestivo, perché favoriscono il transito intestinale e alleviano eventuali disturbi gastrointestinali frequenti nelle gestanti.

    Un buon modo per cucinare le patate durante la gestazione, per esempio, è di cuocerle al vapore, senza grassi di alcun genere o bollite con altre verdure, per preparare, per esempio, la vellutata di patate e broccoli. In alternativa, poi, si possono cucinare piatti più sfiziosi, come lo sformato di patate o il purè, ricette da rendere meno caloriche e pesanti eliminando il burro e utilizzando, per esempio, il latte di soia.