Parto naturale, aiuta a prevenire le allergie

da , il

    Il parto naturale sembra essere un importante mezzo per prevenire allergie e sovrappeso nei bambini. A questa conclusione sono arrivati alcuni ricercatori dell’Università Cattolica con sede a Piacenza. Con la collaborazione dell’Unità di pediatria e neonatologia dell’Ospedale “Guglielmo da Saliceto” della stessa città hanno osservato 46 neonati, la metà dei quali era nata con parto cesareo, mentre gli altri da parto naturale. Nei primi è stata evidenziata per parecchie settimane una microflora batterica intestinale alterata, soprattutto in confronto agli altri. La differenza stava oltre che nella quantità anche nella qualità dei batteri.

    Già care mamme, perché dovete imparare sin dalla nascita del vostro bimbo che esistono batteri buoni e non. Tra quelli favorevoli ad un sano sviluppo dei vostri figli ci sono i già famosi Bifidobacterium e Lactobacillus, tanto per fare qualche esempio.

    Ebbene, questa ricerca, che è stata realizzata dall’Istituto di Microbiologia della facoltà di Agraria dell’Università e dall’azienda Advanced Analytical Technologies Srl (Aat),è stata appena pubblicata sulla prestigiosa rivista specializzata “The Journal of Nutrition”, organo ufficiale della Società Americana per la Nutrizione.

    L’importanza dello studio sta nel suo combinarsi con altri lavori dello stesso genere, che vedono coinvolta la flora intestinale nel corretto sviluppo del sistema immunitario dei bambini. Il che significa care mamme, che se tale ricerca fosse confermata, la somministrazione di probiotici anche nei neonati potrebbe essere la giusta prevenzione delle allergie e dell’ asma.

    Mi permetto comunque di ricordarvi che le motivazioni delle allergie sono diverse, come pure i mezzi per prevenirle e trattarle. Questo è sicuramente un tassello importante, ma non l’unico….E anche se non ne avete bisogno perché siete delle mamme precise, fate attenzione a non somministrare mai nulla a vostro figlio che non vi sia stato espressamente detto dal pediatra: non si sa mai.