Papà, anche loro vittime degli ormoni alla nascita del primo figlio

da , il

    Papà dolce

    Si crede che le uniche emotive siano le mamme, invece anche i papà alla nascita di un bambino vivono un’esperienza particolare. Nel cervello dei nuovi padri si verifica un aumento di alcuni ormoni che si occupano dell’instaurarsi dei legami affettivi. Tra questi ormoni c’ l’ossitocina e la prolattina, due elementi fondamentali nel corpo della mamma durante il parto, ma anche poi dopo, durante l’allattamento. A sostenere questa tesi è una ricerca fatta in collaborazione tra le università statunitense di Yale ed israeliana di Bar-Ilan.

    Accade proprio così: una volta che i padri si trovano il figlio tra le braccia ci sono picchi di produzione di ossitocina e prolattina, ormoni che agiscono sull’amigdala, il centro emotivo del cervello, e condizionano sentimenti e pensieri nei confronti dei nuovi nati.

    Tempo fa abbiamo anche detto che pure i papà possono soffrire di depressione post partum, perché vivere la condizione di padri li mette emotivamente in difficoltà. Si chiedono se sono all’altezza e se saranno in grado di essere all’altezza.

    L’innalzamento dei livelli di ossitocina nel momento in cui padri e madri sperimentano la prima nascita è ancora maggiore. Ci sono delle differenze nel modo in cui i due genitori reagiscono: le mamme sviluppano un maggiore senso di protezione, i papà sembrano portati a instaurare con i figli situazioni di gioco.