Pancia piatta dopo il parto: esercizi e consigli [FOTO]

da , il

    Esercizi per dimagrire la pancia e tonificare gli addominali in 10 giorni

    Pancia piatta dopo il parto, un sogno? Non proprio, seguendo i consigli giusti e facendo regolarmente, rispettando i tempi di recupero del corpo, gli esercizi mirati per rafforzare e tonificare la muscolatura addominale. Archiviati i tempi in cui la gravidanza significava perdere per sempre la pancia piatta, con un po’ di sacrificio e forza di volontà anche l’addome, come tutto il resto del fisico, dopo i nove mesi può tornare in forma. Ecco come raggiungere il risultato sperato o almeno provarci-

    Tutti i benefici

    Gli esercizi mirati per allenare gli addominali dopo la gravidanza hanno lo scopo di restituire alla neo mamma una pancia piatta, ma non solo. Si tonificano i muscoli dell’addome, ma si favorisce anche il recupero di una postura corretta e si favorisce l’eliminazione dei chili di troppo. Inoltre, anche la sensazione di benessere psicofisico migliora, complici le endorfine, gli ormoni della felicità, la cui produzione aumenta durante l’esercizio fisico.

    Consigli utili

    Prima di cimentarsi nell’allenamento pro pancia piatta, il consiglio è di dedicare sempre qualche minuto al riscaldamento dei muscoli, per prepararli al meglio allo sforzo e per stimolare positivamente respirazione e circolazione. Allo scopo è sufficiente fare dei piccoli saltelli sul posto, fare piccoli affondi con le gambe, delle circonduzioni nei due sensi con le braccia e fare qualche passo camminando a ritmo sostenuto.

    Gli esercizi proposti dovrebbero essere rimandati di una settimana dopo il parto per evitare ogni rischio. Le sessioni di allenamento classiche per i muscoli addominali, invece, dovranno aspettare ancora un po’, circa 40 giorni in caso di parto naturale e due mesi se si è fatto il cesareo. Inoltre, per garantirsi gli effetti desiderati, è necessario abbinare una dieta equilibrata all’attività fisica.

    Gli esercizi

    1. Si comincia con la schiena a terra, le gambe tese e le braccia lungo il corpo. Sollevare la gamba destra lentamente, per poi abbassarla portandola oltre quella sinistra. Ripetere l’esercizio anche con l’altra gamba.

    2. Sdraiate a terra con la pancia verso l’alto, le gambe piegate e leggermente divaricate con le piante dei piedi appoggiate al suolo, le braccia lungo i fianchi. Tirare la pancia in dentro, portando l’ombelico verso la colonna vertebrale, espirando. Dopo aver mantenuto la posizione per qualche secondo, rilassare inspirando.

    3. In ginocchio, appoggiate sui talloni, portare verso l’alto il busto contraendo gli addominali e i glutei, per poi tornare gradualmente alla posizione di partenza.

    4. In ginocchio sui talloni, portare il busto in avanti fino a far toccare il suolo alle braccia, per poi cercare di alzarsi, raggiungendo la posizione di quadrupedia e tenendo contratti tutti i muscoli.