Obesità infantile, quando le mamme portano i figli dal chirurgo

da , il

    obesità infantile chirurgo bambini

    L’obesità infantile è un problema dilagante: sono sempre più i bambini, anche piccolissimi con problemi di sovrappeso e vera e propria obesità. Negli ultimi tempi però si assiste anche ad una nuova tendenza, che potrebbe benissimo essere evitata con un po’ di buon senso: le mamme, sempre più spesso, decidono di portare i figli dal chirurgo per correggere i problemi di peso. Sì, avete capito bene: moltissime mamme con bambini un po’ cicciottelli non trovano di meglio da fare che portarli dal chirurgo plastico per farli sottoporre a liposuzione!

    Lo sottolinea con preoccupazione Marco Gasparotti chirurgo estetico presidente della “Fondazione italiana per la lotta all’obesità infantile”. Il medico riporta la sua esperienza riferendo anche che: “Molte donne mi chiedono se è possibile eseguire una liposuzione su bimbi di 12/13 anni”. Fortunatamente in Italia non è consentita questa pratica ma preoccupa il fatto che le richieste stiano aumentando del due per cento circa ogni anno.

    “Non capiscono che per il bimbo l’obesità non è un peccato estetico ma una condanna per la vita, perché chi ne soffre è destinato a diventare un adulto malato” dice l’esperto.

    E l’obesità infantile, quando non esistono problematiche di altro tipo, è una patologia facilmente evitabile. Questi genitori, prima di portare i figli dal chirurgo dovrebbero farsi un esamino di coscienza e cercare di insegnare ai propri figli l’alimentazione bilanciata e sana.

    Proprio per questo è nata la “Fondazione italiana per la lotta all’obesità infantile” che vuole insegnare a genitori e bambini le buone pratiche per un’alimentazione sana e per combattere il sovrappeso.

    Nel caso in cui la situazione vi sia sfuggita di mano, l’unica cosa da fare è chiedere aiuto al pediatra o ad un nutrizionista che provvederà a rieducare grandi e piccini, facendo apprezzare loro anche l’alimentazione sana e bilanciata. Ricordate che l’obesità infantile in moltissimi casi si può prevenire, con semplici regole alimentari.

    I piccoli devono essere abituati, fin dalle primissime pappe a mangiare in modo equilibrato: quando sono più grandicelli e fanno i capricci per mangiare alcuni alimenti, i genitori devono essere inflessibili e non cedere a urla e ricatti da parte dei piccoli.

    Vietato ad esempio, far consumare loro bevande gassate e zuccherate, ma anche mangiare mentre guardano la televisione. Devono imparare ad apprezzare tutti i sapori della nostra dieta mediterranea, pesce e verdure comprese.