Obesità infantile: dipende dalla genetica ed è ereditaria?

Alla ricerca di altri fattori che determinano la condizione di obesità nel bambino

da , il

    Obesità infantile: dipende dalla genetica ed è ereditaria?

    L’obesità infantile è oggi un problema sociale in costante crescita che oggi riguarda circa il 25% della popolazione più giovane. Le cause di questa condizione vanno ricercate a livello comportamentale, ambientale, psicologico e anche genetico, diventando quindi ereditaria. Non è solo quindi il risultato una cattiva alimentazione, da un rapporto con il cibo non sano, dalla scarsa attività fisica o da patologie di tipo ormonale o surrenale.

    Il Ministero della Salute ha rilevato che tra i bambini che frequentano la scuola primaria 1 su 3 rientra nella categoria dei bambini con peso eccedente, ossia sovrappeso o obesi. I rischi relativi a questa categoria sono molti fra cui gli effetti negativi a livello di autostima, i disturbi fisici quali quelli di tipo polmonare e ortopedico, e la grande probabilità di diventare adulti obesi.

    Gli studi hanno infatti evidenziato che i bambini obesi in età scolare hanno fino al 69% di rischio di essere in eccesso di peso anche da grandi, aumentando fino all’83% se si è obesi nell’età adolescenziale.

    L’essere poi figli di genitori obesi rappresenta un fattore di rischio importante che va oltre un’educazione alimentare sbagliata trasmessa dai più grandi. L’ereditarietà dell’obesità è si un’assimilazione delle abitudini dei genitori e da un modello di riferimento fisico non corretto, ma il 5% dei bambini obesi ha come causa una predisposizione genetica.

    Obesità genetiche

    L’obesità infantile è legata all’interazione fra predisposizione genetica, epigenetica ed ambiente. La sua causa non è quindi solo imputabile allo stile di vita bensì anche al corredo genetico. L’International Association of Medical Genetics (Istituto MAGI in iItalia) ha infatti stimato che il 5% dei bambini obesi in Italia ha patologie genetiche ed ereditarie che hanno causato l’aumento del peso corporeo.

    Le obesita’ genetiche maggiormente diffuse sono quelle che derivano da:

    • deficit del recettore della leptina
    • deficit congenito di leptina
    • deficit del recettore della melanocortina-4

    Tutti e tre questi deficit portano all’obesità infantile e all’obesità in età adulta.

    Invitiamo i genitori che hanno un figlio con problemi di peso di rivolgersi al pediatra per ricercare le cause principali del disturbo, per arrivare poi a stabilire quale sia lo specialista al quale rivolgersi in base al responso medico, ossia ad un nutrizionista, un dietologo, uno psicologo infantile o un endocrinologo. Invitiamo anche alla lettura dei consigli per prevenire i problemi di peso nell’età dell’infanzia.